Roma, 10 giugno 2011 - Prende il via il 19 giugno e si protrarrà fino al 27 giugno la 47esima edizione della Mostra del nuovo cinema di Pesaro. Sette pellicole in concorso per il Premio Lino Micciche’, la sezione competitiva (al vincitore 3.000 euro) istituita sette anni fa. Sette film dai quattro angoli del mondo, molti dei quali più volte frequentati in passate occasioni: ad esempio la Corea (‘The Journals of Musan’ di Park Jung-bum, film che racconta le grandi difficolta’ dei nordcoreani a integrarsi nella società capitalista della Corea del Sud, dove sono spesso emarginati e vittime di pregiudizi), l’Argentina (‘Medianeras’ il primo lungometraggio di Gustavo Taretto), la Francia con un’opera di non fiction: ‘Qu’ils reposent en revolte’ di Sylvain George (un potente documentario d’osservazione girato a Calais, punto strategico di passaggio per i migranti) e la Germania (‘Headshots’ dell’americano-berlinese Lawrence Tooley, ovvero coppie a Berlino oggi, attraverso la storia di una donna che si perde in un mondo in cui spesso non riesce a distinguere la realta’ dalle immagini che scatta costantemente).

New entry del concorso sono invece la Thailandia con lo spirituale ‘Eternity’ di Sivaroj Kongsakul, lo Sri Lanka con il drammatico ‘Flying Fish’ di Sanjeewa Pushpakumara, dove c’e’ anche la presenza delle ‘Tigri Tamil’, e il Brasile ‘Trabalhar cansa’ di Juliana Rojas e Marco Dutra, una commedia nera, una storia sul lavoro che diventa un noir. Per la seconda volta a un anno di distanza l’ospite d’onore del festival e’ il cinema (documentario) russo contemporaneo. Nell’anno in cui si celebrano la cultura e la lingua russa in Italia, la Mostra internazionale del nuovo cinema diretta da Giovanni Spagnoletti intende proseguire il suo discorso sul cinema russo contemporaneo iniziato nella scorsa edizione quando ha dedicato la sua piu’ ampia sezione monografica al cinema “di tendenza” del nuovo millennio di quel paese, omettendo volutamente le opere di non-fiction che saranno invece le grandi protagoniste della 47esima edizione del festival.

Il 25esimo evento speciale sul cinema italiano sarà dedicato all’opera di Bernardo Bertolucci, cui proprio nella scorsa edizione fu attribuito il premio ‘Pesaro nuovo cinema’. Lo stesso Bertolucci accompagnerà la retrospettiva incontrando il pubblico nel pomeriggio di sabato 25. La sezione il ‘Cinema in piazza’ proporrà, infine, una selezione dei titoli delle sezioni principali del festival adatti per un pubblico meno specializzato ma altrettanto curioso. Tra le anteprime italiane, ‘Tambien la lluvia’ (Even the rain), un film di Iciair Bollain (regista spagnola tra i migliori cineasti d’europa) sulla guerra per l’acqua. Gli interpreti principali sono due star del cinema latino: il messicano Gael Garcia Bernal e Luis Tosar.