Vis Pesaro contro Jesina
Vis Pesaro contro Jesina

Pesaro, 18 febbraio 2018 - Cuore, carattere, coraggio. E la forza della panchina. La Vis supera la Jesina in rimonta (prima volta nella stagione) e si mantiene all’inseguimento della capolista Matelica (-4) superando un ostacolo duro, reso ancor più duro dal gol subìto dopo appena 50 secondi e da un terreno ridotto ad acquitrino dalla pioggia battente, rivelatosi prezioso alleato dei leoncelli.

Finisce 2-1, con il pubblico a tributare il doveroso omaggio ai biancorossi di casa, che infilano la terza vittoria consecutiva e si confermano micidiali nei derby (28 punti in 10 sfide regionali).

La Jesina, rivalatosi avversario più ostico del previsto, passa in vantaggio dopo neanche un minuto: Cameruccio lavora un buon pallone a destra e traversa basso, il pallone sfila fra i centrali vissini e finisce sui piedi di Magnanelli che incoccia sottomisura.

Reazione ammirevole dei vissini, che creano diversi pericoli e reclamano un rigore con Bellini ma rischiano due volte (Magnanelli e Pierfederici). Decisivi i cambi nella ripresa: Ridolfi procura accelerazioni e assist, Cruz si conferma cecchino implacabile (10° centro).

Il pareggio arriva al 17’. Angolo di Radi, velo aereo di Cruz e Rossoni in mischia la spinge dentro. Il sorpasso arriva al 26’, un minuto dopo che Ridolfi ha colpito un clamoroso incrocio dei pali con un destro a giro.

Un rilancio di Bellini innesca il brasiliano che penetra in area e scarica sul primo palo. Tripudio biancorosso.

Il resto è un’attenta gestione del pallone.

Domenica si va a Vasto (prima di due trasferte filate) e sarà un’altra battaglia. Al Benelli, complice la sosta, ci si rivedrà tra un mese.