Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Cannavò: "Se non salgo in B resto alla Vis"

L’attaccante: "Con Bosco ho un rapporto di stima vicendevole, è uno dei migliori presidenti, valuteremo insieme eventuali richieste"

Cannavò, per lui otto gol, una maglia con un numero importante «acquistato» all’asta e il desiderio di continuare con Pesaro a meno che non sia richiesto in B
Cannavò, per lui otto gol, una maglia con un numero importante «acquistato» all’asta e il desiderio di continuare con Pesaro a meno che non sia richiesto in B
Cannavò, per lui otto gol, una maglia con un numero importante «acquistato» all’asta e il desiderio di continuare con Pesaro a meno che non sia richiesto in B

Kevin Cannavò, cominciamo dal gol più bello: ma è vero che sta diventando papà? "Sì, siamo qui in attesa a Palermo, stiamo aspettando che nasca una femminuccia tra il 15 e il 20 di maggio, la chiameremo Matilde" Pesaro doveva essere il suo trampolino di lancio un anno fa, ricorda? E’ stato così? "Ho migliorato i miei numeri e quelli di squadra perché abbiamo raggiunto in anticipo l’obiettivo, per cui è stato un anno positivo" Per lei era cominciata così così, con un rigore sbagliato e da allora non ha più giocato per diverse partite, cosa era successo? "Ero partito titolare con il Pescara, due giornate dopo ho sbagliato un rigore, poi per scelte tecniche non ho più giocato ma da quando sono ripreso la casacca da titolare penso di avere fatto un buon percorso. E’ stato quel rigore sbagliato che ha condizionato le mie prime giornate, un episodio. Quell’errore è stato parte dell’anno e mi ha aiutato a tirare fuori qualcosa di più e soprattutto a fare gol dal dischetto come è poi accaduto, ad esempio, con il Grosseto, un gol pesante" Il momento più esaltante della stagione? "Il gol nel finale con il Grosseto ma anche la rimonta con l’Entella e i due gol contro il Montevarchi" Il periodo da cancellare? "Il nostro è stato un percorso, non cancellerei nulla, dagli errori si impara e abbiamo imparato. Anche la squadra all’inizio non era partita benissimo ma a metà campionato ci siamo ripresi e abbiamo fatto tanti punti. Resta il rammarico di non essere andati ai playoff" Nelle ultime sei giornate cinque sconfitte, perché? "Il calcio è questo, abbiamo dato tutto durante l’anno, facendo tanti sacrifici, ma nelle ultime giornate non siamo riusciti a ripeterci. Tante rimonte fatte in campionato possono avere influito in termini di cattiveria agonistica, ma non è una stagione da buttare: sia come squadra che come ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?