Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

"Ce la siamo meritata Ora vi aspettiamo al palas"

Banchi, strafelice per la salvezza, carica il pubblico per la gara del 1° maggio "Premiata la nostra caparbietà, orgoglioso del traguardo e dell’affetto"

Non lo avevamo mai visto esultare così, Banchi. Abbracciato ai suoi assistenti, col sorriso disegnato sul volto, per aver portato a termine la missione-salvezza e pronto a regalare un sogno a Basket City. "Col massimo rispetto per i nostri avversari, che hanno giocato una partita di grande carattere, meritavamo di vincere questa gara: a volte nello sport c’è giustizia", dice il coach. Che analizza l’ennesima vittoria batticuore di questa splendido girone di ritorno: "La partita ha avuto mille facce: abbiamo decisamente approcciato bene la gara, portandola sui binari a noi più congeniali senza essere cinici perché non riuscivamo a controllare i rimbalzi, peculiarità di una squadra atletica come Trento. Il secondo tempo è stato contraddistinto dalla nostra difficoltà di trovare linearità nel gioco: ci siamo aggrappati alle iniziative di Moretti e Lamb". Aver rinunciato a Jones non è stata una mossa tattica, ma un problema fisico di Tyrique: "E’ stato pesante dover rinunciare precocemente a Jones per infortunio – spiega il tecnico biancorosso – , soprattutto per il fatto che lui è il nostro cardine difensivo. La situazione falli di Zanotti ci ha spinto così a chiedere un sacrificio a Mejeris, spingendolo a giocare in un ruolo non suo. Questa vittoria è stata il frutto della caparbietà: sul -4 siamo stati bravi a trovare subito un tiro per il -1 con Sanford e poi, dopo l’errore dalla lunetta di Bradford, a trovare un’altra conclusione aperta di Lamb".

Un successo che manda in orbita squadra e società: "Questa vittoria rappresenta molto per noi: è significativo aver ottenuto la salvezza a tre giornate dalla fine del campionato, proprio contro Trento, una delle prime avversarie affrontate dopo il mio arrivo sulla panchina di Pesaro, in un momento drammatico e di disorientamento coinciso con una serie di sconfitte che sembravano aver compromesso il nostro futuro e il nostro rapporto con l’ambiente. Una squadra che in quel periodo era contestata dai propri tifosi, ha saputo rinconquistarsi il calore del pubblico pesarese, con un record di presenze che, insieme alla salvezza, mi fanno essere orgoglioso dei miei ragazzi".

Cosa vuole dire al pubblico? "Prepariamo nel migliore dei modi questo 1° maggio: noi ci metteremo tutto l’impegno per cullare ancora il nostro sogno, i tifosi ci sostengano con affetto: vi aspettiamo al palazzo e speriamo di essere adeguati alla cornice che sapremo costruire".

e.f.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?