Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 mag 2022

Ecco il girone che verrà La Vis rivede il Rimini

Conferme sicure, con dodici squadre reduci dall’ultimo campionato. I biancorossi ritrovano sfide molte sentite e affronteranno percorsi inediti

15 mag 2022

Chi si rivede. Una rivale storica come il Rimini, una corregionale sfidata a lungo in D come la Recanatese. E poi tanti compagni di viaggio della scorsa stagione. Nel prossimo campionato, dando per scontata la conferma del criterio geografico di suddivisione orizzontale dei gironi, la Vis ritroverà sfide molte sentite e affronterà percorsi inediti. Una però ne perderà: il derby con la Fermana. Diamo un’occhiata al possibile nuovo raggruppamento, che appare già delineato in larga parte. Intanto le conferme sicure, con 12 squadre reduci dall’ultimo campionato: il Cesena uscito bastonato (e contestato) dal playoff col Monopoli, il Pescara altrettanto deludente, quindi Ancona, Gubbio, Lucchese, Olbia e Carrarese fermatesi nella fase a gironi; a seguire quelle che i playoff li hanno mancati, a partite dalla Vis Pesaro, passando per Montevarchi, Siena, Pontedera e Teramo. A queste si aggiungerà una tra Entella e Reggiana impegnate nella fase nazionale playoff, oppure entrambe se falliranno l’obiettivo. Altri due posti saranno quelli assegnati alle vincenti i playout: la Viterbese che ieri ha battuto e spedito in D i canarini e la vincente di Imolese-Pistoiese (oggi). Infine ecco le tre neopromosse che prenderanno il posto delle retrocesse: il Rimini di mister Gaburro e dei bomber Mencagli e Gabbianelli (13 reti a testa finora) che ha dominato il proprio girone guadagnando la promozione con largo anticipo e che torna in Serie C a distanza di due anni; la Recanatese che ha conquistato una C storica (per i leopardiani una sola presenza nella categoria nel lontanissimo 1947-48) con Giovanni Pagliari in panchina e un trascinatore come Sbaffo (23 centri); il San Donato in Tavarnelle (12.000 residenti, provincia di Firenze) del maestro Paolo Indiani che ha stroncato la concorrenza di Poggibonsi e Arezzo e conquistato la C per la prima volta nella sua storia. Per queste ultime due compagini, ora, l’ammissione in C è subordinata tra l’altro alla messa a norma dei rispettivi stadi.

In totale, al momento, fanno 19 squadre, 18 se una fra Entella e Reggiana conquistasse la B. Dalla cadetteria non ci saranno approdi, visto che le retrocesse Alessandria, Crotone e Pordenone appartengono ad altre aree geografiche, così come la perdente del playout tra Vicenza e Cosenza. Servirà probabilmente un travaso dagli altri gironi, ma il discorso in tal senso è ancora prematuro. Anche perché – la storia insegna - le iscrizioni non saranno agevoli per tutti.

Playoff. L’andata dei quarti di finale della fase nazionale si giocherà martedì prossimo: alle ore 20,30 FeralpiSalò-Reggiana, Monopoli-Catanzaro, Virtus Entella-Palermo, alle 21 JuventusU23-Padova.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?