Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

La prima pietra da mettere sono gli italiani

18 giu 2022

Per chi sceglie la formula del 5+5, come sarà per la Vuelle, la prima pietra sono sempre gli italiani. Uno è già al suo posto, il capitano Carlos Delfino. Due, Zanotti e Tambone, sono in scadenza di contratto il 30 giugno e aspettano di sapere i programmi della società biancorossa su di loro; gli altri due, Moretti e Camara, erano in prestito e attendono di conoscere le intenzioni dei loro club di appartenenza, Milano e Virtus. Simone Zanotti è ancora in città, si sta allenando in attesa di andare in vacanza e finora non ha avuto contatti con la Vuelle, ovviamente come tutti è curioso di sapere chi sarà il coach e quali chance ci sono per lui di restare. Tambone ha partecipato come ospite al camp di Ravenna, dove ha militato in passato, nemmeno lui per il momento ha sentito la dirigenza, ma vede positivamente il ritorno di Repesa. Moretti si trova a Roseto, dove ha casa, e ad oggi non ha ancora parlato né con Pesaro né con l’Olimpia: forse è un po’ presto per lui, dato che è ancora legato per una stagione all’Armani. Nel frattempo si dice che la Vuelle abbia fatto un sondaggio per Bruno Mascolo, il fantasioso play-guardia del ’96 rilasciato da Tortona, che però vorrebbe fare le coppe ed è probabile possa finire a Brindisi, dove la partenza di Zanelli ha liberato spazio. Altro esterno con doppia veste che cerca una collocazione è Matteo Imbrò (classe ’94), che ha chiuso la sua esperienza a Treviso. Nel settore lunghi, ci sono un paio di giocatori interessanti ed esperti rimasti senza squadra: Valerio Mazzola (classe ’88), in uscita da Venezia e Raphael Gaspardo (classe ’93), che lascia Brindisi. Siamo ancora agli inizi del mercato, ma per gli italiani, che sono sempre merce rara, bisogna fare in fretta.

e.f.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?