Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 ago 2022
2 ago 2022

La Vis ha scelto Fedato: contratto annuale

Definito l’ingaggio dell’esterno sinistro in uscita dal Gubbio e l’anno scorso alla Lucchese dove ha segnato 4 gol nel girone d’andata

2 ago 2022
Fedato qui in maglia Lucchese con cui ha collezionato 19 presenze e 4 gol
Fedato qui in maglia Lucchese con cui ha collezionato 19 presenze e 4 gol
Fedato qui in maglia Lucchese con cui ha collezionato 19 presenze e 4 gol
Fedato qui in maglia Lucchese con cui ha collezionato 19 presenze e 4 gol
Fedato qui in maglia Lucchese con cui ha collezionato 19 presenze e 4 gol
Fedato qui in maglia Lucchese con cui ha collezionato 19 presenze e 4 gol

Tanto tuonò che piovve. La Vis Pesaro, dopo settimane di trattative e contatti sfumati, ha il suo nuovo attaccante. Ed è quel Francesco Fedato già sul taccuino da settimane. Dall’arrivo di mister Sassarini, uno che l’ala sinistra ex Lucchese e Gubbio la conosce bene. A tal punto da avergli affidato le chiavi dell’attacco in quel di Gozzano (Serie C 1920), dove ha messo insieme 22 presenze e 5 gol. Numeri che rendono la sua stagione nel novarese come la seconda più prolifica in carriera. Sì, perché conti alla mano rimane ineguagliato l’exploit in B col Bari: era la stagione 20122013 e Fedato, ventenne di buone speranze, timbrò la rete in 6 occasioni. A dire il vero il classe ’92 veneziano la B l’ha assaggiata a più riprese, prima coi pugliesi (8 gol in due stagioni), poi con Modena (3 gol in 19 apparizioni), Livorno (stesso bottino), Carpi (18 presenze e 0 reti) e Foggia (2 gol e 17 gettoni). In mezzo, poi, c’è stato spazio anche per 255 minuti in Serie A, spalmati su due stagioni, con le maglie di Catania e Sampdoria. Il rendimento intrigante ma di fatto non costante l’ha portato negli anni a scendere di categoria, in quella serie C scelta come vero terreno di coltura per le sue ambizioni di rilancio. A dire il vero in parte disattese, anche se le piazze importanti non sono mancate: prima Piacenza con 13 presenze 1 gol, poi Trapani, con un borsino simile. Proprio in Sicilia Fedato ha messo in cascina una promozione in B. Se nell’estate del 2019 è arrivata la chiamata del Gozzano di Sassarini, nella stagione successiva si è diviso tra Casertana (8 apparizioni) e Gubbio (17 presenze, 1 gol). Il rinnovo biennale firmato un anno fa con gli umbri l’ha però portato via dalla città dei Ceri. In prestito. A Lucca infatti si è messo in luce con 4 timbri in 19 gare, sebbene il grave infortunio (caviglia) rimediato con l’Olbia il 23 gennaio l’abbia tenuto fuori per oltre tre mesi. La Vis ha comunque deciso di puntare su di lui: troppo forte la voglia di rivitalizzare un giocatore che ha passato la prima parte del 2022 ai box. O quasi. Il talento, del resto, non manca. E i gol nei momenti decisivi pure. Anche se dalle parti di via Simoncelli qualcuno avrebbe preferito il pedigree fuori categoria di Lens (al Versailles, Serie C francese) e Pucciarelli (vorrebbe la B). Fedato è in città da domenica sera, e già ieri si è allenato al "Benelli". Poi alle 15 circa ha firmato il contratto che lo legherà alla Vis per un anno con opzione per il secondo. L’ufficialità dovrebbe arrivare nella giornata di oggi. Difficile però che sia a disposizione per l’amichevole contro il Sassuolo, in programma giovedì alle 18: c’è una condizione fisica da riconquistare.

Chi invece potrebbe assaggiare qualche minuto in maglia Vis, al netto di un’ufficialità che dovrebbe arrivare nelle prossime ore, è il difensore ex Pontedera e Pergolettese Bakayoko. Il corazziere ivoriano classe ‘92 si è già allenato coi compagni nel ritiro di San Lorenzo in Banale. Anche per lui pronto un contratto annuale con opzione per il secondo. Sassarini così si dota di un difensore grintoso e prestante, bravo di testa e con una spiccata propensione al recupero palla. E che potrà tornare lottare presto i gradi da titolare in una squadra quasi al completo: all’appello mancherebbero solo un centrocampista (l’ex Picerno Langone?) e, al limite, un colpaccio offensivo per dare linfa alla campagna abbonamenti.

Riccardo Spendolini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?