Quotidiano Nazionale logo
9 apr 2022

Macerata il vero ostacolo: mai battuta dalla Vigilar

Domani alle 18 Fano chiude la prima fase con un avversario indigesto

Capitan Ferraro: per la Vigilar sette vittorie nelle ultime otto partite ma la trasferta di domani si annuncia ricca di insidie
Capitan Ferraro: per la Vigilar sette vittorie nelle ultime otto partite ma la trasferta di domani si annuncia ricca di insidie
Capitan Ferraro: per la Vigilar sette vittorie nelle ultime otto partite ma la trasferta di domani si annuncia ricca di insidie

Ultima giornata di regular season per la Vigilar che domani alle 18 va a Macerata per il quarto derby stagionale e per risalire ancora in classifica. Dopo l’exploit contro l’Abba Pineto e con alle spalle sette vittorie nelle ultime otto gare, la Vigilar è pronta a chiudere la stagione nel migliore dei modi, ma la sfida con Macerata è tutt’altro che semplice: "Prima di tutto è un derby – afferma il capitano Mario Ferraro –, ci sarà un’atmosfera particolare e la partita sarà all’altezza. Di fronte avremo un avversario di livello contro il quale non abbiamo mai vinto, con attaccanti temibili ed una struttura di gioco solida. Partita difficile che comunque noi affronteremo a viso aperto". La Med Store Tunit è quarta con 55 punti, con al passivo solo sei sconfitte: "Noi non temiamo nessuno – continua il centrale siciliano –, dopo il successo contro Pineto la nostra fiducia è salita a dismisura, vogliamo arrivare ai play off al massimo della condizione". I maceratesi hanno recuperato e Lazzaretto, il fanese Ferri e l’opposto Giannotti. La Vigilar però non teme nessuno e, per molti addetti ai lavori, potrebbe essere lo spauracchio da evitare in questi playoff. Lo stato di forma di alcuni elementi è strabiliante ed i meccanismi di squadra funzionano alla grande, Pineto ne sa qualcosa. Comunque vada la sfida di Macerata, i virtussini ai playoff avranno il fattore campo sfavorevole e la sfidante verrà fuori da una di queste tre squadre: Grottazzolina (altro possibile derby), Pineto e Prata di Pordenone.

b.t.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?