Omar Manuelli, fanese, allenatore di lungo corso (spesso alla guida di compagini di serie D e anche di Lega Pro) fa le ‘pulci’ al prossimo campionato di Eccellenza. Mister Manuelli chi sono le candidate alla vittoria? "Secondo me Ancona e Vigor Senigallia si daranno battaglia fino alla fine per aggiudicarsi un posto in serie D, categoria che entrambe per...

Omar Manuelli, fanese, allenatore di lungo corso (spesso alla guida di compagini di serie D e anche di Lega Pro) fa le ‘pulci’ al prossimo campionato di Eccellenza.

Mister Manuelli chi sono le candidate alla vittoria?

"Secondo me Ancona e Vigor Senigallia si daranno battaglia fino alla fine per aggiudicarsi un posto in serie D, categoria che entrambe per blasone e storia meriterebbero. Poi, come sempre, i campionati bisogna vincerli sul campo e non sempre ci si riesce. Anche il Porto d’Ascoli, con la coppia d’attacco Shiba e Napolano, potrebbe essere una protagonista del torneo".

Chi ha fatto il colpo più grosso nell’attuale mercato?

"La Vigor Senigallia confermando mister Aldo Clementi e dando continuità ad un gruppo di ragazzi eccezionali, con alcuni aggiustamenti di spessore, vedi Gambini e Mancini".

Come vede le 4 pesaresi?

"Le pesaresi, ovviamente ognuna con le sue caratteristiche, faranno bene. L’Atletico Gallo e il Fossombrone hanno ottime rose e sicuramente manterranno le aspettative di playoff, l’Urbania continua la sua politica di valorizzazione dei giovani per mantenere la categoria, l’Urbino è un po’ l’incognita dopo tanti anni lontano dalla categoria, non so come sono orientati e che tipo di situazione hanno. Certo che l’entusiasmo può fare la differenza, Urbino è sempre una piazza importante".

Un giudizio in generale sul campionato?

" C’è l’incognita del Covid, ancora non si sa quando inizieranno i campionati e se si giocherà a porte chiuse o meno, riguardo il calcio giocato credo che quest’anno ci sarà molto equilibrio".

E mister Manuelli?

"Per questa stagione credo di rimanere alla finestra, non vorrei accettare proposte non consone alle mie idee di fare calcio. Faccio un bocca al lupo ai miei colleghi e alle società che pur di ripartire hanno fatto sforzi notevoli".

Amedeo Pisciolini