Valentino Rossi esulta sul podio di Misano (Foto Afp)
Valentino Rossi esulta sul podio di Misano (Foto Afp)

Misano Adriatico (Rimini), 14 settembre 2014 - Valentino Rossi (foto) sceglie il circuito di casa per tornare alla vittoria. Il Dottore, partito terzo dopo un’ottima qualifica, realizza una vera e propria impresa, mettendosi alle spalle il compagno di squadra Lorenzo e il rivale di tante battaglie Dani Pedrosa.

Il gran premio di San Marino e della Riviera di Rimini si caratterizza dunque per il dominio Yamaha. Non solo Rossi, però. Vanno bene anche gli altri italiani, come Dovizioso, che porta la sua Ducati al quarto posto; e Iannone, finito quinto. Solo 18esimo il campione del mondo Marquez, vittima di una caduta

Al via Jorge mantiene la leadership, seguito da subito da Valentino Rossi e da Marquez, autore di un'ottima partenza. Lo spagnolo 'duella' subito con il piota della Yamaha, che viene passato ma si rifa subito sotto e in due giri passa prima lo stesso Marquez e poi Lorenzo, portandosi in vetta al quinto giro. Lorenzo sembra pagare una scelta sbagliata di gomme ed è costretto a cedere il passo al leader del Mondiale. I due vanno via insieme, ma al decimo giro Marquez perde il posteriore e scivola a terra. Pur riuscendo a tenere accesa la moto, il campione del mondo in carica riparte al ventesimo posto. Per Rossi a questo punto la strada è spianata fino alla bandiera a scacchi di una gara fantastica per il motociclismo italiano.

"Sono molto contento", ha commentato il Dottore ai microfoni di Sky. "L'ultimo giro? Ci ho messo un quarto d'ora a finirlo", ha ironizzato il campione di Tavullia, al quale, in una stagione assai positiva con ben 8 podi collezionati, mancava solo l'assolo in gara. Per Rossi è l'81esima vittoria in MotoGp, la 107esima in assoluto.  "Grande gara, grande soddisfazione, ultimamente con Marquez non succede tante volte di vincere; oggi sapevo che era l'occasione giusta, qui a Misano è speciale - ha aggiunto - Devo ringraziare tutti, qui la Yamaha era in vantaggio, io e Jorge (Lorenzo, ndr) ce la siamo giocata. Mi sono proprio divertito, c'era tanta gente, tanti tifosi, tanti amici".

Ed è proprio il compagno di squadra il primo a complimentarsi: "Rossi ha meritato la vittoria, ha fatto un weekend eccezionale e ha guidato benissimo". Il pilota della Yamaha Lorenzo 'si inchina' al cospetto di Rossi. "E' un secondo posto irreale, senza la caduta di Marquez avrei chiuso terzo - ha ammesso lo spagnolo - La gara è andata peggio di come mi aspettassi, siamo stati gli unici a montare il pneumatico duro, non aveva molto grip. Finalmente però ci sono state due Yamaha prima e seconda", ha concluso Lorenzo.