Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Next Gen, lo spettacolo dei giovani I baby di Luminati partono bene

Finisce 87-59 la gara d’esordio della Vuelle contro Napoli, il prestito Fiusco segna 18 punti in 22 minuti

Migliore in campo il prestito dall’Orange Bassano Gianmarco Fiusco (18 punti)
Migliore in campo il prestito dall’Orange Bassano Gianmarco Fiusco (18 punti)
Migliore in campo il prestito dall’Orange Bassano Gianmarco Fiusco (18 punti)

Si sono svolte nell’intera giornata di ieri le prime otto partite della Next Gen cup 2022 e ci sono i primi verdetti dei sedici settori giovanili dei club di serie A. Ad chiudere la prima giornata è stata la sfida tra i padroni di casa della Carpegna Prosciutto Pesaro e Basket Napoli, vinta con il punteggio di 87-59 dai ragazzi di coach Giovanni Luminati. Inizia con due punti il cammino dei giallorossi che sono chiamati a eguagliare l’edizione 2020 della VL che si fermò ai quarti dopo un overtime contro Trento. Nonostante il grande divario finale, il primo quarto è abbastanza tirato con entrambe le squadre che faticano a trovare la via del canestro, 21-18 al ‘10. Nella seconda frazione poi però la Carpegna Prosciutto si libera, piazza un parziale di 30-14 e spezza le gambe ai partenopei. Nel secondo tempo la difesa della Vuelle non si abbassa affatto, concede solo 11 punti agli avversari, nonostante i soli 19 segnati, e conduce 67-43. Gli ultimi dieci minuti danno la possibilità a coach Luminati di allungare le proprie rotazioni e dare spazio a tutta la panchina, facendo riposare i titolarissimi. Migliore della partita è il prestito dall’Orange Bassano Gianmarco Fiusco autore di 18 punti in soli 22 minuti; ottimo l’impatto anche degli altri due nuovi per la VL, ovvero Octavio Maretto, 16 punti e 7 assist, e Lamine Tandia, 12 punti e 6 rimbalzi. Molto bene comunque tutta la squadra, con 13 punti di uno Stazzonelli più impreciso del solito al tiro (27 da due punti) ma sempre molto solido. Nelle altre sfide, senza storia le prime due del campo centrale, Brescia-Trento e Varese-Brindisi conclusasi quasi con lo stesso esatto punteggio, 85-59 la prima e 83-59 la seconda. Sugli scudi Alessandro Naoni di Brescia con 18 punti, 6 rimbalzi e 5 assist, Luka Radovic di Trento autore di una doppia doppia da 12+12 e il varesino Guimdo Valdo, 24 punti e 8 rimbalzi. Ben più avvincente è stata la prima sfida della palestra nord, Tortona-Trieste terminata sul punteggio di 78-83 per Derthona. MVP assoluto Alfredo Boglio, autore di 33 punti e 7 assist mentre per i triestini molto buona la prova di Tommaso Fantoma con i suoi 28 punti. Buona la prima anche per l’Olimpia Milano, vincente su Sassari 82-60 grazie a 23 punti del 2004 Trovarelli e 19 di Lionel Abega; non bastano a Sassari le prove isolate di Karim Rtail e Riccardo Pisano, 20 punti il primo e 17 il secondo.

La vittoria più schiacciante della giornata se l’aggiudica la campionessa in carica, la Reyer Venezia che asfalta Reggio Emilia 84-48 nel rematch della finale di due anni fa, grazie anche ai 16 punti di Alessandro Chappelli. Comode anche le ultime due partite della palestra nord, con Treviso che regola comodamente già nel primo tempo la Fortitudo Bologna, terminando la sfida 83-64. 20 punti per Edoardo Ronca, già visto in serie A quest’anno, e 16 per Enrico Vettori. Cremona invece inverte gli equilibri della serie A andando a battere quella che è la capolista "tra i grandi", ovvero la Virtus Bologna. Il punteggio finale recita 72-57, con l’mvp tra i cremonesi che è Filippo Gallo, 16 punti, mentre per la Virtus il migliore è Nicolò Nobili con 18. Appuntamento questa mattina dalle ore 10.30 per la seconda giornata.

Leonardo Selvatici

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?