Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
13 apr 2022

Spareggi per salire in serie B: ecco le date e il meccanismo

La Vis a oggi incontrerebbe il Gubbio in trasferta. Ma Pesaro deve guardarsi. da Pontedera e Teramo

13 apr 2022
Lombardi in azione a Olbia, il giocatore del Monza tanto caro a Galliani ha trovato una sua collocazione fissa sulla fascia sinistra
Lombardi in azione a Olbia, il giocatore del Monza tanto caro a Galliani ha trovato una sua collocazione fissa sulla fascia sinistra
Lombardi in azione a Olbia, il giocatore del Monza tanto caro a Galliani ha trovato una sua collocazione fissa sulla fascia sinistra
Lombardi in azione a Olbia, il giocatore del Monza tanto caro a Galliani ha trovato una sua collocazione fissa sulla fascia sinistra
Lombardi in azione a Olbia, il giocatore del Monza tanto caro a Galliani ha trovato una sua collocazione fissa sulla fascia sinistra
Lombardi in azione a Olbia, il giocatore del Monza tanto caro a Galliani ha trovato una sua collocazione fissa sulla fascia sinistra

Due giornate alla fine, già sono cominciati i calcoli per i playoff. E allora è il caso di spiegare un po’ di cose, dopo aver ripassato un regolamento a dir poco complicato. Premessa: ai playoff accedono 28 squadre; 7 per girone disputano i playoff dei gironi, le rimanenti 7 vanno dirette ai playoff nazionali. Nel girone B, ammesso che vinca il Modena, sono già sicure dei playoff, nell’ordine, Reggiana (80 punti), Cesena (63), Entella (62), Pescara (61), Gubbio (51) e Ancona (51). Al momento, le altre tre squadre ammesse sarebbero Carrarese (45), Vis Pesaro (45) e Lucchese (43). Per loro, c’è l’insidia di Pontedera (43) e Teramo (42). Alla prima fase (playoff di girone) partecipano le squadre classificate dalla 5ª alla 10ª posizione, che si affrontano in gara secca sul campo della meglio classifica secondo lo schema 5ª-10ª, 6ª-9ª, 7ª-8ª. Al momento, gli accoppiamenti sarebbero Pescara-Lucchese, Gubbio-Vis, Ancona-Carrarese. Ma diverse posizioni possono cambiare da qui al 23 aprile, visti i distacchi minimi. In caso di arrivo a pari punti al termine della stagione regolare, contano gli scontri diretti. La Vis ad esempio è in vantaggio sulla Lucchese e in svantaggio con la Carrarese. L’Ancona è in svantaggio col Gubbio. Alle vincenti del primo turno playoff (in caso di parità dopo i 90’ passa la meglio classificata) si aggiunge nel secondo turno la 4ª classificata (o la 5ª nel girone dove è presente la migliore quarta). Anche qui squadre ordinate per piazzamento e gare secche con le stesse regole. Le due vincenti di girone accedono alla fase nazionale. Al primo turno nazionale partecipano 10 squadre: le 6 vincenti i playoff di girone, le terze di ogni girone e la vincente di Coppa Italia (o subentrata a scalare visto che il Padova ha vinto la coppa e lotta per la B); 5 incontri andata e ritorno (con 5 teste di serie per gerarchia e per il resto accoppiamenti a sorteggio), in caso di parità passano le teste di serie. Le 5 vincenti accedono al secondo turno nazionale insieme alle tre seconde; gare andata e ritorno, ma sorteggio integrale; in caso di parità supplementari e rigori. Finale con lo stesso meccanismo. Al dunque, una squadra tra le peggiori classificate per arrivare alla finale deve giocare 8 partite senza sosta. La seconda classificata invece giocherà il secondo turno nazionale 24 giorni dopo la fine del campionato. Le date. Fase a gironi 1 maggio (primo turno), 4 maggio (secondo); fase nazionale 8 e 12 maggio (primo turno), 17 e 21 maggio (secondo); 25 e 29 maggio (semifinale); 5 e 12 giugno (finale). Sarà una maratona: con un solo vincitore.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?