Elezioni comunali 2019, il 26 maggio cittadini al voto (Foto di repertorio Ravaglia)
Elezioni comunali 2019, il 26 maggio cittadini al voto (Foto di repertorio Ravaglia)

Ancona, 24 aprile 2019 -  Il 26 maggio si vota per le elezioni comunali 2019 in 152 dei 228 Comuni marchigiani. Ma saranno solo tre i capoluoghi di provincia coinvolti, ovvero Pesaro, Urbino e Ascoli Piceno. Capoluoghi di provincia che si presentano alle urne con una situazione differente: se a Pesaro le coalizioni di centrosinistra e centrodestra hanno individuato il candidato sindaco senza grosse divisioni interne, ad Ascoli Piceno ha regnato il caos fino a poche settimane fa.

 

Elezioni comunali 2019, i capoluoghi al voto

Pesaro - Sono cinque i candidati a governare la città. L'uomo da battere è il sindaco uscente Matteo Ricci, a capo della coalizione di centrosinistra, che anche questa volta ha schierato una corazzata di tutto rispetto: 193 candidati spalmati su 6 liste, ovvero Pd e le civiche 'Matteo Ricci sindaco', 'Il Faro', 'Una città in Comune', 'Giovani è tempo' (costituita solo da under 30) e 'Forza Pesaro' (costituita da sportivi). La coalizione di Ricci è scoperta a sinistra. Infatti, Art.1-Mdp ha preferito rimanerne fuori. Insieme ad esponenti della società civile ha fondato la civica 'Fuoricentro', che schiera come candidato sindaco Nicola Giannelli. Non è l'unica lista di sinistra. C'è infatti anche 'Comunisti per Pesaro', nata dall'unione di Rifondazione, Pci e Sinistra Anticapitalista, che si propone con Claudio Nigosanti. Il centrodestra ha scelto compatto l'avvocato Nicola Baiocchi, che si è autosospeso da segretario comunale di Fdi. Cinque le liste a suo sostegno: Lega, Forza Italia, Fdi e le civiche 'Siamo Pesaro' e 'Prima c'è Pesaro'. Se centrosinistra e centrodestra hanno trovato la quadra sul candidato senza tanti litigi interni, lo stesso non può dirsi per il M5S. Due le liste che si sono contese la certificazione dello staff nazionale. L'ha spuntata la lista della consigliera uscente Francesca Frenquellucci, ma perdendo l'appoggio di tutti gli altri consiglieri uscenti, che erano candidati o sostenevano la lista 'scartata' e che hanno cercato fino all'ultimo di convincere lo staff nazionale a ritornare sui suoi passi.

Urbino. Nella città ducale sono 5 i contendenti. L'uscente Maurizio Gambini tenta la riconferma con la coalizione di centrodestra costituita dalle liste 'Liberi per Cambiare', Forza Italia, Rinascimento con Sgarbi, Udc, Lega e Movimento Urbino Città Ideale. Tra i rivali ci riprova il veterano Giorgio Londei, già sindaco per tre mandati negli anni '80 e senatore negli anni '90. Lo sostengono le liste Prospettiva Urbino, Nel bene Comune, Uniti per Urbino e Moderati per Urbino. Il centrosinistra schiera invece Mario Rosati, sostenuto da Cut Liberi Tutti, Partito Democratico e Urbino al Centro. Chiudono il cerchio Gabriele Lauricella per il Movimento 5 Stelle e Donato Demeli per Sinistra per Urbino-Art.1Mdp.

Ascoli Piceno - I candidati alla successione di Guido Castelli sono sette. Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia, dopo la bagarre locale, hanno lasciato la decisione al tavolo nazionale che ha indicato Marco Fioravanti (Fdi) come candidato sindaco; decisione che però ha creato più di qualche malumore, tanto che alla fine Piero Celani, consigliere regionale di Forza Italia e già sindaco per dieci anni ad Ascoli, ha deciso di scendere in campo accompagnato da alcuni suoi fedelissimi. Nel centrosinistra Pd, Psi e Articolo 1 hanno scelto il giornalista Pietro Frenquellucci per tentare la scalata all'Arengo, ma anche qui non sono mancate le tensioni: il comitato 'Ascolto & Partecipazione', che annovera tra i suoi anche l'ex assessore regionale allora Pd, Antonio Canzian, ha deciso di andare per conto suo puntando sul cardiologo Emidio Nardini. Nessun dubbio per i Cinque Stelle, che hanno scelto Massimo Tamburri: per lui si tratta della seconda candidatura alla carica di primo cittadino dopo quella del 2014. Anche CasaPound ha preferito la linea autonoma e ha indicato Giorgio Ferretti per la corsa all'Arengo, mentre si aspetta ancora il nome del settimo candidato che arriverà dalla lista di giovani 'Fuori dal tunnel', composta da ragazzi nati tra il '90 e il 2000.

Elezioni comunali 2019, alle urne 4 Comuni sopra i 15mila abitanti

Inoltre, si vota in quattro Comuni sopra i 15mila abitanti che il 26 maggio si recheranno alle urne per eleggere il nuovo sindaco: Fano in provincia di Pesaro e Urbino, Osimo in provincia di Ancona, Recanati e Potenza Picena in provincia di Macerata.

A Fano sono quattro i candidati sindaci, due donne e due uomini: Massimo Seri (centrosinistra), Lucia Tarsi (centrodestra), Marta Ruggeri (M5S), Teodosio Auspici (La Sinistra per Fano). Cinque le liste del centrosinistra a sostegno del sindaco uscente Massimo Seri: Pd; le civiche del sindaco Noi Città e Noi Giovani, già presenti nel 2014; In Comune; Insieme è meglio, la lista promossa dal consigliere regionale Boris Rapa, che tra i candidati ha l'ex presidente della Pro Loco Entienn Lucarelli. La coalizione del centrodestra a sostegno di Lucia Tarsi è formata da tre partiti (Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia) e da tre liste civiche: Fano Città Ideale-Tarsi sindaco, La Tua Fano dell’ex sindaco Stefano Aguzzi e Nuova Fano guidata dall’ex segretario di Fdi Stefano Pollegioni. Lista unica a sostegno della candidata sindaca del M5S Marta Ruggeri che ha sperato fino all'ultimo di presentare almeno la lista di Bene Comune come alleata. Non è stato possibile per la mancata autorizzazione da parte dello staff nazionale. Quindi anche in queste elezioni, come già nel 2014, la lista ospiterà esponenti di Bene Comune, tra cui il presidente Matteo Giuliani. Lista unica anche per il candidato sindaco de ‘La Sinistra Per Fano’, Teodosio Auspici del Pci. Auspici, ex presidente di Aset Holding, è stato tra i fondatori di Sinistra Unita, ma non ha mai condiviso la decisione di mettere fine a quel progetto. Auspici si è allontanato dalla maggioranza per poi dare vita, insieme a Possibile, alla lista ‘La Sinistra per Fano’ che lo vede candidato sindaco.

Osimo. In corsa per la poltrona di sindaco ci sono sette candidati. L’attuale primo cittadino Simone Pugnaloni è sostenuto da Pd e quattro liste civiche, ‘Energia nuova’, ‘OsiAmo’, ‘Ecologia e futuro’ e ‘Popolari uniti per Osimo’. Il centrodestra si presenta spaccato. Per la Lega c’è Alberto Maria Alessandrini. Fratelli d’Italia si presenta senza simbolo a sostegno di Maria Grazia Mariani della civica ‘Difendi Osimo’. Esponenti di Forza Italia, anch’essi senza simbolo, sono confluiti nella civica ‘Noi azzurri con Latini’, che sostiene la candidatura di Dino Latini insieme ad altre 5 liste: ‘Su la testa’, ‘Patto sociale per Osimo’, ‘Green’ (con militanti del Psi), ‘Osimo civica’ e ‘Uniti per Latini sindaco’. Il M5S schiera David Monticelli. Infine sono in corsa Achille Ginnetti per ‘Progetto Osimo’ e Fabio Pasquinelli della Sinistra per ‘Territorio comunità’ .

Recanati. Cinque sono i candidati a sindaco nella città della poesia, di cui 3 appoggiati da Pd, Udc e lista civica ‘Recanati adesso’ che fanno parte della maggioranza uscente di centrosinistra che si è frantumata in tre tronconi. Antonio Bravi, attuale vice sindaco ed assessore al Bilancio, è appoggiato da sei liste civiche e dal sindaco Francesco Fiordomo giunto al suo secondo mandato e quindi non più candidabile. L’altro candidato è Graziano Bravi, area moderata, che oltre a quattro civiche trova l’appoggio del Pd. Infine Massimiliano Grufi, in quota Udc ed attuale presidente del consiglio, si presenta con a fianco tre liste civiche. Il M5S viaggia da solo con il candidato Stefano Gurini. Mentre il centrodestra (Lega e fratelli d’Italia) più due civiche si presenta con Simone Simonacci, 39 anni, il più giovane fra i candidati in corsa, che nel 2014 si era candidato al consiglio con il M5S.

 

Elezioni Comunali 2019, tutti i Comuni coinvolti

Provincia di Ancona (tra parentesi gli abitanti)

Agugliano (4.870), Arcevia (4.914), Barbara (1.408), Belvedere Ostrense (2.288), Camerata Picena (2.419), Castelbellino (4.763), Castelleone di Suasa (1.702), Castelplanio (3.482), Filottrano (9.622), Genga (1.875), Maiolati Spontini (6.175), Mergo (1.083), Monsano (3.353), Monte Roberto (3.026), Monte San Vito (6.706), Montecarotto (2.080), Montemarciano (10.110), Numana (3.716), Osimo (33.991), Ostra (6.743), Poggio San Marcello (731), Polverigi (4.327), San Marcello (2.069), San Paolo di Jesi (902), Sassoferrato (7.532), Serra de' Conti (3.722), Serra San Quirico (2.967), Sirolo (3.856), Staffolo (2.290), Trecastelli (7.577)

Provincia di Ascoli Piceno

Ascoli Piceno (49.958), Carassai (1.116), Castignano (2.947), Castorano (2.322), Colli del Tronto (3.566), Comunanza (3.204), Cossignano (1.015), Cupra Marittima (5.378), Folignano (9.302), Maltignano (2.483), Massignano (1.655), Monsampolo del Tronto (4.563), Montalto delle Marche (2.260), Montedinove (505), Montefiore dell'Aso (2.180), Montemonaco (635), Monteprandone (12.211), Offida (5.215), Palmiano (214), Roccafluvione (2.061), Rotella (936), Spinetoli (7.108), Venarotta (2.146) 

Provincia di Fermo

Amandola (3.709), Belmonte Piceno (664), Campofilone (1.951), Falerone (3.395), Francavilla d'Ete (1.009), Grottazzolina (3.287), Lapedona (1.175), Magliano di Tenna (1.426), Massa Fermana (1.002), Monsampietro Morico (682), Montappone (1.749), Monte Giberto (815), Monte Rinaldo (397), Monte Urano (8.283), Monte Vidon Combatte (459), Monte Vidon Corrado (777), Montefalcone Appennino (445), Montegranaro (13.153), Moresco (605), Ponzano di Fermo (1.708), Servigliano (2.347), Smerillo (389), Torre San Patrizio (2.078)

Provincia di Macerata

Apiro (2.421), Appignano (4.212), Belforte del Chienti (1.860), Caldarola (1.839), Camerino (6.902), Camporotondo di Fiastrone (589), Castelsantangelo sul Nera (310), Cessapalombo (546), Cingoli (10.509), Colmurano (1.278), Fiastra (700), Fiuminata (1.497), Gualdo (868), Loro Piceno (2.481), Matelica (10.178), Mogliano (4.773), Monte Cavallo (149), Monte San Giusto (8.071), Monte San Martino (792), Montecassiano (7.185), Montecosaro (6.918), Montefano (3.555), Montelupone (3.658), Pieve Torina (1.483), Pioraco (1.250), Poggio San Vicino (297), Pollenza (6.583), Potenza Picena (15.843), Recanati (21.416), Ripe San Ginesio (860), Sant'Angelo in Pontano (1.483), Sarnano (3.367), Sefro (431), Serrapetrona (1.008), Serravalle di Chienti (1.085), Treia (9.745), Urbisaglia (2.712), Visso (1.180)

Provincia di Pesaro e Urbino

Acqualagna (4.496), Apecchio (2.013), Belforte all'Isauro (788), Borgo Pace (643), Cagli (9.013), Cantiano (2.356), Carpegna (1.670), Cartoceto (7.850), Fano (62.901), Fratte Rosa (1.017), Frontone (1.348), Gabicce Mare (5.845), Lunano (1.528), Macerata Feltria (2.072), Mercatello sul Metauro (1.437), Mombaroccio (2.134), Monte Cerignone (678), Monte Grimano Terme (1.166), Monte Porzio (2.802), Montecalvo in Foglia (2.700), Monteciccardo (1.686), Montecopiolo (1.175), Montefelcino (2.726), Montelabbate (6.719), Peglio (735), Pergola (6.555), Pesaro (94.237), Petriano (2.814), Piandimeleto (2.146), Pietrarubbia (689), Piobbico (2.109), San Costanzo (4.841), San Lorenzo in Campo (3.496), Sant'Ippolito (1.574), Sassocorvaro Auditore (5.080), Serra Sant'Abbondio (1.099), Tavullia (7.866), Urbania (7.077), Urbino (15.501), Vallefoglia (14.814)