Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Colorlac, i segreti infiniti dei colori / VIDEO

Premio Mascagni. La Colorlac dei Maltoni sintetizza le molecole per vernici

di SIMONE ARMINIO
Ultimo aggiornamento il 13 marzo 2018 alle 12:24

Bologna, 13 marzo 2018 - Ci sono due atti di coraggio nella vita della Colorlac. Il primo è quando nel 1988 Ottavio Maltoni, un tecnico di un’industria di vernici, decide di mettersi in proprio, da solo, in un capannone di Toscanella. Il secondo è quando suo figlio Gabriele, fresco di laurea in chimica industriale, entra in azienda e si inventa anche ingegnere, per realizzarsi da sé i laboratori di sintesi che usava a all’università. «Avevamo una macchina per il gelato per il freddo e un fornelletto per il caldo – ride –, e vista la fatica, se tornassi indietro, prima di rifarlo ci penserei un attimo...».

Ottavio e Gabriele Maltoni, partiamo dai fondamentali: voi non realizzate vernici, ma materia prima per chi fa poi le vernici.

«Ovvero i coloranti e i pigmenti che poi, diluiti e miscelati, compongono la vernice».

I vostri clienti, dunque?

«Sono le aziende e i fornitori di vernici in Italia e nel mondo».

Ma sul mercato, i vostri coloranti, dove finiscono?

«Sui mobili e i materiali in legno per l’edilizia. Ma anche sulla pelle di divani, calzature e accessori di moda».

Perché vi scelgono?

«Perché oggi il colore non è solo una parte della produzione, ma un elemento identitario. E noi siamo in grado di mettere a punto un alto livello di personalizzazione dei colori del cliente. In più assicuriamo affidabilità, tenuta e replicabilità nel tempo».

Cosa vuol dire?

«Che se tra cinque o più anni servirà di nuovo quel dato colore, per realizzare pezzi di ricambio identici agli originali, siamo in grado di farlo».

Miracolo?

«No, molecole: le sintetizziamo, perciò sappiamo replicarle all’infinito».

Una novità degli ultimi anni?

«Abbiamo spinto molto sull’apertura dei nostri laboratori ai clienti. Possono venire a trovarci, e partecipare al processo di personalizzazione».

Per poi rubarvi i segreti...

«Guardi, se anche questo fosse il loro obiettivo, non sarebbe per nulla facile. Le formule chimiche, vede, sono un... segreto di Pulcinella. Il segreto sta nelle persone, e nel sapere maturato negli anni».

Nel futuro cosa c’è?

«C’è il Reach, che in italiano sta per: registrazione, valutazione e autorizzazione di prodotti chimici. È il nuovo regolamento della Ue sull’industria chimica, una sorta di rivoluzione copernicana, perché rende ogni azienda chimica responsabile delle sostanze che produce o importa dall’estero. Essere in regola comporta analizzare approfonditamente tutto, poiché non basteranno più i certificati all’origine: responsabile è chi le sostanze le usa».

Ci sarà da mettersi in regola.

«Gran parte del mercato infatti è in fibrillazione. Dovrà sostenere investimenti ingenti e in fretta, per rimanere sul mercato. Ma noi siamo pronti, e coglieremo questo vantaggio».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.