Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Trem, "Al timone da mezzo secolo" / VIDEO

Premio Mascagni, la Trem produce accessori per la nautica da diporto

di GIUSEPPE CATAPANO
Ultimo aggiornamento il 3 luglio 2018 alle 09:35

FRANCO Marzaduri ha 87 anni. La sua azienda, la Trem, da lui stesso fondata, di anni ne ha da poco compiuti 50. Mezzo secolo al timone: Marzaduri è un imprenditore dallo sguardo lungo, abituato a pensare al futuro.

Qual è l’elisir di lunga vita?

«La capacità di reinventarsi. E di diversificare».

È ciò che è successo alla Trem?

«L’azienda nacque nel 1968, a Ozzano. Producevamo retine che impedivano alle gonne delle signore di impigliarsi nei raggi delle biciclette».

E come siete arrivati alla nautica?

«Nel tempo e dopo un altro cambiamento: con il passare degli anni e con il diffondersi dei pantaloni nella moda femminile, reinventammo la produzione iniziando a fabbricare corde elastiche per legare i pacchi su auto e moto».

Poi cosa accadde?

«Ci furono un’evoluzione del mercato dell’auto e un cambiamento nella concezione del tempo libero. La Trem diversificò ulteriormente la produzione rivolgendosi a nuovi settori come il campeggio e la nautica».

Eccoci ai giorni nostri.

«La nautica assorbe l’80% del nostro giro d’affari. L’export pesa per il 50%: è fondamentale per noi, anche perché ci garantisce lavoro per tutto l’anno. Siamo in 60 Paesi del mondo».

Chi sono i vostri clienti?

«Cantieri, commercianti e negozi specializzati per la nautica. Ma sono partner importanti anche i costruttori di caravan».

Il settore delle imbarcazioni da diporto ha conosciuto la crisi.

«I cui effetti si sentono ancora».

Si vede la luce in fondo al tunnel?

«La verità è che si è impoverito il ceto medio: è in questa fascia che si vendono le piccole barche. Io resto comunque fiducioso, è nella mia natura».

Qual è stato il momento più bello in cinquant’anni di storia?

«Proprio il festeggiamento del traguardo dei cinquant’anni con i miei figli, che sono con me in azienda, e con tutti i dipendenti che mi accompagnano. E che io considero familiari. Con loro mi comporto come un babbo».

D’altra parte, se si sentono coccolati, lavorano meglio.

«È vero. Ma io sono sempre stato così, è nella mia natura».

Alla Trem ci sono più stabilimenti in uno.

«Dalla corderia per la produzione di corde elastiche e cime nautiche, all’officina per la produzione di scalette, fanali, poltroncine e portapacchi, fino alla falegnameria per la fabbricazione di passerelle, remi e pagaie: diversificare, appunto».

In settori così specialistici è difficile trovare professionalità adeguate?

«Non sempre è semplice».

Non ha mai pensato di lasciare?

«Non ci penso proprio. Sono tutti i giorni in sede, dal lunedì el venerdì. E qualche volta anche il sabato mattina...».

Resta sulla breccia, insomma.

«Quest’azienda e le persone che lavorano qui sono la mia vita».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.