Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Della Rovere, "Prodotti perfetti e di classe" / VIDEO

Premio Mascagni, il segreto del gruppo Della Rovere. leader del knitwear

di ALBERTO LAZZARINI
Ultimo aggiornamento il 10 aprile 2018 alle 09:16

CHI HA detto che la globalizzazione e l’industria 4.0 debbano passare necessariamente per le megacittà o per i celebrati distretti industriali? Anche a casa nostra – se volete in periferia – fa tappa, infatti, il futuro migliore, quello che inventa, produce, è innovativo, dà lavoro, e crea – alla fine – socialità. Il gruppo Della Rovere rappresenta tutto questo ed è un nodo, importante, di quella trama fitta, colorata e calda che significa progresso autentico. Già, un «nodo»: e di nodi questa «maglieria» di altissimo livello (oggi si «deve» chiamare knitwear) ne sta facendo a milioni, anzi a miliardi per confezionare prodotti top, unici, che invadono, seducenti, gli scaffali dei migliori negozi (ah, gli store) del mondo: da Longastrino a New York o Shanghai passando per Parigi e Mosca, tanto per citare. Il principale artefice di questa meraviglia nostrana è un ingegnere elettronico di 54 anni, Gian Luigi Zàina, l’amministratore delegato: una grande competenza, vedute aperte (di più, apertissime), una filosofia professionale e di vita che spiegano senza troppe difficoltà il successo dell’azienda e il perché tutti quanti lo seguano senza battere ciglio. Le azioni della società, nove milioni di fatturato (metà export), sono suddivise fra la famiglia Piovaccari e lo stesso Zaina.

Ingegner Zaina, qual è la mission del gruppo?

«Proporre prodotti di lusso in piccole serie, su misura, per vestire la classe dirigente internazionale. Per questo uniamo la grande tradizione artigianale alla migliore innovazione e la portiamo nel mondo».

La qualità è il filo conduttore dell’azienda.

«Sì, sia dal punto di vista del processo che del prodotto. Ogni componente, ogni momento, della produzione è controllato elettronicamente. Le nostre macchine, tedesche, sono le più innovative in assoluto, suddivise fra la sede (60 addetti) e i dieci laboratori esterni (200 addetti), in gran parte ubicati in questa zona. Quanto al prodotto, scegliamo semplicemente i migliori filati del mondo: la seta giapponese, il cotone egiziano e indiano, il cashmere cinese trattato in Scozia o nel miglior stabilimento d’Italia (è nelle Marche ndr). Il nostro è il caso tipico dell’artigianato industriale: la qualità, l’attenzione e la meticolosità dell’uno unite all’efficienza dell’altro».

Da cui nascono maglie assolutamente speciali dal costo conseguente. Come le commercializzate?

«I canali sono due. Uno deriva dal nostro impegno nella filiera internazionale: lavoriamo in trust, infatti, con marchi europei di assoluto livello, grandi firme di cui siamo un service produttivo. Quando visitano l’azienda, i loro advisor le fanno i raggi x verificando ogni particolare. È giusto così. Il secondo canale è invece diretto. Proponiamo maglieria con il marchio Cains Moore che può essere acquistata nel nostro Store di Longastrino o negli outlet-negozi (che aggiungono abiti, giacche, camice e altro ancora) di Cervia e di Bologna. Inoltre abbiamo 40 corner presso il gruppo Coin».

Il vostro legame col territorio è stretto.

«È vero. Un’impresa non è fatta solo di muri ma naturalmente di persone e di relazioni che coinvolgono fornitori, clienti, collaboratori, comunità. Quanto al personale, molte sono le assunzioni che ho fatto pescando all’Ipsia di Argenta: i migliori studenti, certo, e fra questi quelli che, in più, fanno lavoretti (anche trasporto pizza a domicilio), operano nel volontariato, sono insomma responsabili».

Il mondo vuol parlare italiano.

«C’è fame di made in Italy».

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.