Ravenna, 3 settembre 2018 – Nuovo appuntamento musicale, mercoledì 5 settembre alle 21, sul palco centrale della Festa nazionale dell’Unità di Ravenna, al Pala De André. In arrivo Willie Peyote – nome d’arte di Guglielmo Bruno, classe 1985 – rapper torinese, considerato uno degli artisti più interessanti della scena hip hop italiana che sarà insieme a Moder sul palco.

Dopo l’esibizione sul palco del concerto del Primo Maggio a Roma e il successo del lungo tour indoor, che ha collezionato ben 26 sold-out in 45 concerti, Peyote prosegue il suo ‘Sindrome di Tôret Tour’, disco che nella prima settimana è entrato direttamente all’ottavo posto della Top 10 della Classifica FIMI/Gfk dei dischi più venduti in Italia. L’artista si discosta dal diffuso stereotipo del rapper riuscendo a conquistare anche le platee più difficili, con riferimenti e citazioni più o meno velate alla musica italiana degli ultimi quarant’anni, da Battisti a Bruno Martino, passando dal nuovo cantautorato pop.

Oltre a essere conosciuto come solista, Peyote è la voce del gruppo Funk Shui Project. Avvicinatosi al rap nel 2004, dopo alcuni tentativi con altri generi musicali, fonda il gruppo Sos Clique con Kavah e Shula col quale pubblica diversi demo e un ep intitolato ‘L’Erbavoglio’ nel 2008. A seguito dello scioglimento del gruppo intraprende la carriera solista facendo del cinismo, dell’originalità e dell’autoironia il suo marchio di fabbrica, com’è facilmente intuibile dai titoli dei dischi pubblicati: ‘Il Manuale del giovane nichilista’ del 2011 e ‘Non è il mio genere, il genere umano’ del 2013.

I testi dell’artista sono uno specchio della società attuale. Con i suoi brani accattivanti, ironici ma allo stesso tempo di denuncia, Peyote ha attirato immediatamente su di sé l’attenzione del pubblico e degli addetti ai lavori. Brani come ‘TmVB’, ovvero ‘Tutti Mi Vogliono Bene’ e ‘Friggi le polpette nella merda (cit.)’ sono diventati dei veri e propri inni underground che raccontano i paradossi del nostro paese in modo scanzonato, sarcastico e divertente.

Nel gennaio 2016 esce ‘Educazione Sabauda’, l'album che segna la svolta: grazie a canzoni come ‘L'eccezione’, ‘Io non sono razzista ma’, ‘C'era una vodka’ e un'intensa attività live l'artista torinese vede crescere esponenzialmente consensi e pubblico. Per chiudere il fortunato ciclo dell'album, Willie nel 2017 è stato ospite a ‘Che tempo che fa’ e ha concluso il tour con doppia data sold-out al CAP10100 di Torino.

A maggio 2017 è uscito il singolo ‘I Cani’, che anticipava il nuovo album pubblicato a ottobre dello stesso anno, ‘Sindrome da Tôret’, per la sua etichetta 451 con distribuzione Artist First. L’evento è promosso da Bronson Produzioni in collaborazione con Cisim Lido Adriano. Ingresso gratuito.