CATERINA PENAZZI
Cronaca

Alluvione scuola, la preside di Faenza: “Stop a interrogazioni e verifiche, aiutiamo i nostri ragazzi”

La commovente lettera della dirigente Paola Falconi del liceo Torricelli Ballardini ai prof in vista della riapertura delle superiori il 25 maggio: “E’ bene capire quali siano le priorità in questo momento. Un passo alla volta ne verremo fuori”

Faenza, 23 maggio 2023 – “Stop alle interrogazioni e alle verifiche, i nostri ragazzi devono superare il trauma dell’alluvione”. A chiederlo, con una lettera inviata ai docenti, è stata la preside del liceo Torricelli Ballardini di Faenza, che venerdì 25 maggio come tutte le scuole superiori di Faenza, riaprirà alle lezioni. Il messaggio è chiaro: lasciare da parte, almeno temporaneamente, interrogazioni e verifiche e, una volta tornati in aula, ad avere un occhio di riguardo per i ragazzi e i traumi che hanno riportato con questa drammatica situazione.

Approfondisci:

Alluvione in Emilia Romagna, la nostra raccolta fondi per un aiuto immediato. Ecco l’Iban per la donazione

Alluvione in Emilia Romagna, la nostra raccolta fondi per un aiuto immediato. Ecco l’Iban per la donazione

Protagonista di questa iniziativa è Paola Falconi, dirigente dell'istituto superiore di Faenza, che “dopo la notte di paura” del 16 maggio scorso, come lei stessa scrive nella lettera, ha invitato i prof a “capire in questo momento quali siano le priorità”.

Approfondisci:

Alluvione scuole, quali riaprono a Forlì

Alluvione scuole, quali riaprono a Forlì

"I nostri ragazzi e le nostre ragazze - ha spiegato spiegato la preside - hanno vissuto le nostre stesse emozioni, sicuramente amplificate perché non ancora in grado di gestire completamente le proprie fragilità e quando torneranno a scuola è necessario che trovino docenti capaci di accompagnarli e comprenderli in questo passaggio difficile della loro adolescenza”.

"Purtroppo – continua ancora nella lettera la dirigente – questi anni ci hanno consegnato generazioni ferite prima dal Covid e ora dall'alluvione. C'è uno spartiacque tra il prima e il dopo il 16 maggio e questo non possiamo ignorarlo ed è nostro dovere non ignorarlo”.

Per Paola Falconi “la priorità in questo momento è lasciare da parte verifiche e valutazioni, i ragazzi – conclude – non solo hanno la testa da un'altra parte, ma il pomeriggio hanno bisogno di andare ad aiutare chi è in difficoltà, hanno bisogno di aiutare la loro gente, la città ferita a rialzarsi, hanno bisogno di fare la loro parte”.

Occorre lasciare "da parte le interrogazioni e puntare a parlare con alunni e alunne di quello che è successo”. “A settembre penseremo a recuperare il percorso di apprendimento interrotto, aggiunge ancora la preside che rivolge anche “un pensiero a come accompagnare i ragazzi di quinta all'esame per i quali organizzerà aule studio e incontri pomeridiani ragazzi-docenti per organizzare l'esame e aiutarli nella preparazione, anche per chi è isolato fuori da Faenza.

"Un passo alla volta ne verremo fuori - è la conclusione di Paola Falconi – l'importante è capire le priorità e il peso di quello che ci è caduto addosso”.