Quotidiano Nazionale logo
23 lug 2021

Omicidio di Faenza: Arianna parte civile contro il padre

La giovane è intenzionata a costituirsi anche verso l'esecutore materiale reo confesso Barbieri. Indagini verso la chiusura

andrea colombari
Cronaca

Ravenna, 23 luglio 2021 - Il tempo dà consiglio. Il proverbio è datato, la lezione che reca è attuale. Del resto è probabilmente in questa direzione che va letta l’intenzione di Arianna Nanni di costituirsi parte civile nel processo che si aprirà per la morte della madre, la 46enne Ilenia Fabbri massacrata il 6 febbraio scorso a cavallo delle 6 all’interno del suo appartamento di via Corbara a Faenza. Aggiornamento Omicidio di Ilenia Fabbri: Arianna rompe col padre Scelta tutt’altro che scontata: vuoi perché tra gli indagati, oltre al 53enne Pierluigi Barbieri, alias ’lo Zingaro’, di origine cervese ma residente nel Reggiano ed esecutore materiale del delitto reo-confesso, c’è anche il padre 54enne, il meccanico manfredo Claudio Nanni  inquadrato dall’accusa come mandante. Ma soprattutto perché nelle fasi iniziali delle indagini, Arianna aveva ostinatamente difeso il padre arrivando a ritagliare per lo Zingaro un ruolo quasi autonomo per l’assassinio della madre. "Invece di parlare di Claudio, parlate di Barbieri Pierluigi che ha fatto quello che ha fatto", aveva detto ai giornalisti che le chiedevano del ritrovamento a poche centinaia di metri da via Corbara della buca scavata - secondo Barbieri - dal Nanni per seppellire la madre dopo averne cancellato i connotati con l’acido: "So che l’hanno trovata ma non ci credo. È un’invenzione di Luigi". E in quanto agli attrezzi poi sequestrati dalla squadra Mobile sul luogo di lavoro del 54enne, "l’acido è per l’officina, è quello che si usa per l’officina" mentre la vanga "è quella che usava per spalare la neve, pensa un po’... Sì, ho letto che Pierluigi aveva già tentato due volte di uccidere mia madre, non lo so... non è andata così". Qualche dubbio nella testa della ragazza era però affiorato tanto da spingerla a più riprese a chiedere formalmente al magistrato, invano, di potere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?