"Basta allagamenti, occorre intervenire"

Bagnacavallo, la lettera alle autorità di un nutrito gruppo di residenti che si sono ritrovati l’acqua in casa anche recentemente

"Basta allagamenti, occorre intervenire"

"Basta allagamenti, occorre intervenire"

"Noi cittadini residenti nelle vie Fossa, Largo de Gasperi, di Roma, Cilea e Berti desideriamo esprimere il nostro profondo disappunto e la nostra preoccupazione per quanto verificatosi in data 15 e 16 maggio, quando le piogge intense hanno colpito la nostra zona causando allagamenti significativi delle strade e delle abitazioni". Si apre così la lettera inviata da un nutrito gruppo di bagnacavallesi alla sindaca Proni, alla Prefettura, al commissario Figliuolo, alla Regione, all’Unione dei Comuni, all’Agenzia per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile, ad Atersir, a Hera, al Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale e ai candidati a sindaco di Bagnacavallo Matteo Giacomoni, Diletta Principale e Maurizio Bragonzoni.

Bagnacavallo infatti un paio di settimane fa è stata duramente colpita da violenti nubifragi associati a intense grandinate, con l’allagamento di decine tra strade, aziende, campi, abitazioni, scantinati, nonché la tracimazione di fossi e canali di scolo. Il livello dell’acqua ha portato alla chiusura di diverse strade, tra rabbia, proteste e disagi.

"L’intensità della pioggia – scrive il gruppo di cittadini – ha saturato i canali di scolo, mettendo in crisi l’intero sistema fognario e provocando danni considerevoli alle proprietà private. Questo evento ha messo in evidenza ancora una volta le gravi carenze infrastrutturali che affliggono le vie interessate dagli eventi. Non possiamo ignorare che già in passato avevamo sollevato simili preoccupazioni e avevamo ricevuto rassicurazioni circa l’attuazione di interventi specifici per migliorare la rete di scolo e il sistema fognario. Tuttavia, tali interventi non sono stati eseguiti, lasciandoci esposti a situazioni di emergenza che, come abbiamo visto, possono avere conseguenze devastanti". Alla luce di questo scenario "chiediamo con urgenza che il Comune adotti immediatamente misure concrete per risolvere questa annosa problematica. In particolare riteniamo indispensabile la realizzazione di un piano di intervento strutturale per il potenziamento e la manutenzione dei canali di scolo e della rete fognaria; la pianificazione di interventi a breve termine per mitigare i rischi di ulteriori allagamenti, soprattutto in vista degli eventi di piogge intense sempre più frequenti; una comunicazione trasparente e tempestiva riguardo le tempistiche e le modalità di intervento previste".

I residenti chiedono inoltre "quale sia, alla data odierna, lo stato delle proposte di interventi e studi (alcuni da concludere entro febbraio 2022) che erano stati prospettati dal Comune in accordo con Hera" nonché "quali siano le misure che il Comune intende mettere in campo nel caso si verifichino ulteriori eventi, per chiudere la circolazione delle strade allagate in modo da garantire la sicurezza dei cittadini ed evitare l’aggravarsi degli allagamenti all’interno delle abitazioni".

Luigi Scardovi