Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
5 giu 2022

"Così tagliai le liste d’attesa per le materne"

Susanna Tassinari, dal consiglio di circoscrizione a Roncalceci all’assessorato all’infanzia e alla scuola nelle giunte Mercatali e Matteucci

5 giu 2022
carlo raggi
Cronaca

Carlo Raggi Due lustri all’Arci, poi maestra per vent’anni e contemporaneamente consigliere di circoscrizione a Roncalceci quando questi organismi avevano ancora potere di spesa ed erano fondamentali per rapportarsi e discutere con l’Amministrazione comunale. Un’esperienza sul territorio che a Susanna Tassinari è tornata utile allorché nel 1997 fu eletta in consiglio comunale e quattro anni dopo entrò nella giunta di Vidmer Mercatali come assessore all’infanzia e alla scuola. E con lei Ravenna abbatté drasticamente le liste d’attesa per entrare nelle scuole d’infanzia e dalle ultime posizioni nella classifica delle ‘città a misura di bambino’, nel 2006 conquistò il primo posto. Fu lei a favorire il primo nido sul posto di lavoro, in Questura. Poi la direzione prima e la presidenza poi dell’Asp, la neo azienda dei servizi alle persone. Nel 2018 la pensione e ora il ritorno in pista, presidente del Consiglio territoriale di Roncalceci. Lei ha sempre abitato a San Pietro in Trento. Partiamo di qui. Com’è cambiato da quando era bambina? "Molto, si è costruito tanto e la gente che è venuta ad abitare qui lavora fuori, qui non ci sono aziende. Insomma stiamo diventando un quartiere dormitorio e il rischio è che scompaia il senso di comunità. Quando ero bambina, nei primi anni 60, a San Pietro in Trento viveva chi lavorava nei campi qui attorno. Tutta un’altra cosa". Qualche attività commerciale è rimasta? "La banca, il forno, l’alimentare, la farmacia, il parrucchiere, il meccanico. Poi il circolo repubblicano con la pizzeria e il circolo Arci che apre alla sera. Sono i due luoghi di maggiore aggregazione. E poi c’è la storica chiesa, romanica, che alcune volontarie ancora riescono a tenere aperta, perché da tempo non c’è più il parroco". Suo padre che lavoro faceva? "Il babbo, che si chiamava Quinto ed era conosciuto come ‘Variati’, era un capo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?