Quotidiano Nazionale logo
10 apr 2022

"Da donna mi sentivo sempre sotto esame"

Noemi Piolanti, una vita in Comune: ne è entrata come impiegata uscendone come dirigente. "Il potere? È ancora in mano agli uomini"

carlo raggi
Cronaca

di Carlo Raggi Oltre 40 anni su fronti complessi, la politica, l’impegno da amministratore e quello professionale nel settore pubblico, il Comune. Noemi Piolanti è un po’ l’emblema di come, nel secolo scorso, si sviluppasse il ‘cursus honorum’ di un politico, di un amministratore, a partire dalla gavetta. "Non è stato facile, ancor più perché donna, ma è stata una splendida avventura". Laureata in lettere moderne, iscritta al Pci nel ’75, Piolanti è entrata in Comune come impiegata all’anagrafe, ne è uscita come dirigente, capo di gabinetto di quattro sindaci e capo area; parallelamente ha svolto tre mandati come assessore provinciale al bilancio, alla scuola, allo sport, ai lavori pubblici. Cominciamo dal suo grande amore per il mare! "Mi piace osservarlo, assaporarlo, il mare è cambiamento continuo, come la vita. Mi dà forza. Per questo non sono mai andata via da Punta Marina. Qui i miei genitori, Gino e Lina, sono arrivati, dal Forlivese, nel ’48, qui sono nata due anni dopo, nel cortile c’era la duna, davanti, il mare. A due passi c’era la famiglia Bissi, col loro figlio Claudio sono cresciuta e poi ci siamo sposati". Punta Marina all’epoca stava appena nascendo. "Infatti i miei genitori si trasferirono qui perché c’erano sviluppo e lavoro. Il babbo cominciò facendo il pescatore, qualche mattina all’alba andavo anch’io in spiaggia, avrò avuto cinque anni, lui metteva giù le nasse per pescare le seppie e io ero affascinata…Non c’erano molte abitazioni, si può dire che Punta Marina è cresciuta con me, in spiaggia c’erano qualche chiosco e dei capanni in legno". Lei è memoria storica di questo luogo. "Tanto che vorrei scriverci un libro assieme alla mia grande amica Serena Tondini. La base già c’è, è la tesina che scrissi per l’esame di geografia all’università: descrivevo il cambiamento economico-sociale subito dalle frazioni nel dopoguerra". Parliamo allora ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?