Nel mirino i veicoli Euro 4
Nel mirino i veicoli Euro 4

Ravenna 6 ottobre 2018 – Ogni giorno alza la voce un’associazione diversa. E ogni giorno il ritornello della canzone è lo stesso: «Non potete fermare i diesel euro 4». E la pressione si sta facendo sentire. Ieri sono stati gli agenti di commercio a chiedere una deroga per i bistrattati Euro 4. E intanto due comuni della pianura bolognese, Castenaso e Granarolo, hanno annunciato che non applicheranno il divieto, spaccando così il fronte antismog. E per trovare una via d’uscita a una telenovela che solo nel Ravennate interessa qualcosa come 29.087 diesel euro 4, lunedì i sindaci dell’Emilia-Romagna andranno a un vertice in Regione. E cosa chiederanno al presidente Stefano Bonaccini? In pratica una deroga per far circolare gli euro 4.

LEGGI ANCHE Chi può circolare nelel domeniche ecologiche

«Abbiamo chiesto un incontro come Anci – spiega Michele de Pascale, che oltre a sindaco di Ravenna è presidente regionale dell’Associazione nazionale comuni italiani – , per capire come intervenire in questa situazione». Sì, perché lo stop al divieto dei primi comuni, come Castenaso e Granarolo, crea un quadro disomogeneo fra i Comuni, con situazioni imbarazzanti. Per intenderci: un residente a Castenaso con diesel euro 4 nel suo Comune è in regola, ma appena finisce nel territorio comunale di Bologna è in multa. Assurdo no?

LEGGI ANCHE Smog, un'auto su quattro è fuorilegge in regione

«Per questo – continua de Pascale – invito i Comuni ad aspettare a prendere decisioni e aspettare almeno lunedì per trovare una soluzione condivisa. Così com’è fatto questo provvedimento rischia di creare molti problemi alle famiglie, e quindi lo faremo presente a Bonaccini, che ringrazio per aver organizzato questo incontro. Come sindaco ritengo, anche stando ai dati positivi dell’anno scorso, con pochi sforamenti, che ci siano diverse modalità di intervento per ridurre i problemi che sarebbero causati dallo stop agli Euro 4». Tradotto, a Bonaccini sarà chiesta una deroga per gli euro 4 e, premendo il fronte delle associazioni economiche e essendo in agenda le elezioni in Regione, s’è da scommettere che lunedì lo stop sarà ammorbidito.