"È la via per il porto, fondamentale"

Questo articolo descrive le opere di adeguamento della strada Ravegnana, che collegano le aree logistiche portuali, con un costo complessivo di 70 milioni di euro. Sono già stati finanziati 25 milioni e un progetto di fattibilità tecnico-economica è stato predisposto.

Per quanto riguarda il secondo stralcio, che interessa il viadotto sui Fiumi Uniti, il 31 luglio sono state avviate le procedure espropriative e redatto il progetto esecutivo. Il costo dell’opera è di 25 milioni di euro. Infine, l’ultimo intervento è quello relativo all’adeguamento del collegamento alle aree logistiche portuali: dallo svincolo di Punta Marina e quello di Marina di Ravenna. In particolare, le opere previste consistono nell’ampliamento della strada, nella realizzazione di un sottopasso ferroviario per il transito di treni merci, nell’ammodernamento della lunghezza delle corsie di scambio, nella realizzazione di un nuovo svincolo di collegamento (subito dopo il canale Vitalaccia), nella razionalizzazione dello svincolo con via Destra Canale Molinetto e nella realizzazione di una rotatoria sulla stessa via Trieste e la riorganizzazione dello svincolo verso il porto. Il costo complessivo è di 70 milioni di euro e sono già finanziati 25 milioni. Ad oggi è stato predisposto un progetto di fattibilità tecnico-economica. "Turismo, commercio, traffico merci, per dirla in breve: economia e lavoro. Quando parliamo della Ravegnana – conclude Corsini - è soprattutto a questo che dobbiamo pensare, a una strada fondamentale per il territorio che attraversa collina e pianura, per arrivare fino al mare, cioè al porto di Ravenna che, nella strategia regionale, è di fatto diventato il porto dell’Emilia-Romagna per il suo ruolo di collegamento delle aree della Zona Logistica Semplificata che abbiamo disegnato".

g.c.