Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 apr 2022

"Faremo nostre le battaglie di Damiano"

Tanti ai funerali di Cavina, l’operatore Caritas morto in un incidente. La moglie: "Indossava sempre i sandali, segno del suo cammino"

29 apr 2022

Centinaia di persone hanno rivolto ieri l’ultimo saluto a Damiano Cavina, lo storico operatore Caritas scomparso la settimana scorsa dopo un tragico incidente stradale avvenuto sulla provinciale modiglianese. I raggi del sole e il vento tra le foglie degli alberi del prato vicino alla chiesa di Rivalta hanno accolto anche quest’ultimo capitolo della vita di Cavina, che qui era cresciuto e si era sposato.

Una vera e propria marea umana quella composta dai parenti, dagli amici e dai colleghi del mondo della Caritas, alcuni dei quali avevano attraversato con lui la tempesta della crisi migratoria di alcuni anni fa: fra loro l’attuale assessore Davide Agresti, l’ex-collega Danilo Cicognani, e il parroco di Sant’Antonino Marco Ferrini. Per il Comune di Faenza era presente il presidente del consiglio comunale Niccolò Bosi; non lontani c’erano anche quelli che per Cavina erano stati i compagni d’avventura di Faenza Coraggiosa – l’assessore Luca Ortolani insieme ad Antonio Bandini, Edward Necki, Catherine Lowe e Marco Bandini – i componenti della galassia ambientalista (per Legambiente Massimo Sangiorgi e Giorgio Della Valle) oltre a tutto il mondo delle associazioni.

A presiedere la cerimonia è stato il vescovo Mario Toso, che ha ricordato in particolare gli sforzi di Cavina nel diffondere i centri d’aiuto della Caritas anche nelle campagne, oltre i confini della città, "con impegno, senza chiedere a nessuno la carta d’identità". Fra coloro cui è stato chiesto di ricordare Cavina c’è stato Vittorio Bardi, storico sindacalista della Fiom e attivista della sinistra più a sinistra: solo in anni relativamente recenti la sua strada e quella di Cavina si sono incontrate, mescolate, "in occasione ad esempio delle battaglie per l’acqua pubblica, l’ambiente, contro le norme discriminatorie, per i diritti e il dialogo interculturale". Bardi ha ricordato una delle iniziative per cui Cavina si era battuto più duramente in tempi recenti, quella cioè per il progetto ‘Lavoro degno’: "Proprio oggi avremmo dovuto vederci ad un importante incontro con i sindacati per portare avanti la questione. L’incontro ci sarà: nessuna delle battaglie di Damiano deve interrompersi", ha proseguito Bardi. "Chissà se c’è un altrove in cui rivedersi. Abbiamo condiviso lo stesso pane, e allora non mi sembra inopportuno salutarti così: ciao, compagno Damiano". Un’amica di Cavina ha ricordato in lacrime quanto detto dall’amico comune Otello Galassi: "la morte non è l’ultima parola".

Durante la cerimonia è stato proposto di indire una giornata in cui ricordarlo ogni anno. Commossa anche la rappresentati della comunità islamica Noura Louha: "Una grande perdita per tutti quanti noi". Quella di Damiano Cavina era una figura che pur nella sua frugalità non passava inosservata: è stata la moglie Maddalena Guazzolini, affiancata dalle tre figlie, a ricordare la sua abitudine di indossare sandali tutto l’anno, "che più di tutti portavano addosso i segni del cammino percorso, compiuto con cocciutaggine, senza celare le proprie fragilità, sempre con grande generosità e sete di giustizia".

Filippo Donati

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?