Ravenna, l'appello dei bagnini: "Il Governo ci conceda di riaprire già a maggio"
Ravenna, l'appello dei bagnini: "Il Governo ci conceda di riaprire già a maggio"

Ravenna, 10 maggio 20202 - Aprire nel mese di maggio. Il sindaco Michele de Pascale e l’assessore al Turismo Giacomo Costantini lo hanno ripetuto anche ieri. "Il lavoro dei tavoli regionali per definire i protocolli sulle riaperture delle attività della filiera del turismo è a buon punto. Le proposte emerse ci sembrano idonee e auspichiamo che il Governo e l’Istituto Superiore di Sanità le facciano proprie in tempi rapidi", commentano i due. Che poi invitano il Governo a muoversi in fretta: "L’estate è vicina e serve recepire il contributo che arriva dalla Regione e concedere così agli imprenditori il tempo necessario per prepararsi al meglio e rodare l’organizzazione delle proprie attività. Anche per questo riteniamo che le aperture debbano essere previste a maggio".

De Pascale e Costantini riprendono anche alcuni temi sottolineati nelle anticipazioni del protocollo, a partire dagli eventi: "Ci auguriamo che venga trovata una soluzione anche per permettere l’organizzazione di intrattenimenti, che sono elemento integrante della nostra offerta turistica". Ravenna con i suoi nove lidi "è da sempre Bandiera Blu grazie alla capacità organizzativa. Vogliamo che le nostre spiagge, libere e concessionate, continuino ad essere un’eccellenza".

Il presidente della Coop Spiagge, Maurizio Rustignoli, concorda con le misure che si stanno mettendo a punto a livello regionale, ma ha dubbi sul Governo. "Non vorrei che martedì definissimo un documento grazie al quale poter avviare le attività nel rispetto delle regole sanitarie, ma che poi da Roma arrivasse uno stop. Il settore non può permetterselo – commenta –. I 10,50 metri quadrati attorno all’ombrellone sono fattibili, così come il distanziamento e tutto quanto previsto. D’altronde ci rendiamo conto che dobbiamo convivere con la Fase 2 della pandemia. La Regione sta adottando provvedimenti importanti, come lo stanziamento di 5 milioni. In questi giorni abbiamo iniziato a spianare la spiaggia di Punta Marina. Domani toccherà a Marina di Ravenna. Iniziamo a prepararci per la stagione che non sarà facile, ma vogliamo partire al meglio".

Per Riberto Neri, responsabile regionale Turismo della Uil, ci sono ancora un paio di punti da limare. "Credo che vadano chiariti alcuni aspetti della gestione delle spiagge libere e di quelle in concessione non aperte – dice –. Così come è chiaro che la figura di steward non potrà essere svolta dal bagnino di salvamento. Anche se sono consapevole che molto dipenderà dal buon senso delle persone. È chiaro che ciò che è contenuto nei protocolli va rispettato punto per punto. Servirà anche molta persuasione, molta pazienza nello spiegare le regole, che sono nuove per tutti".