Il progetto di recupero delle mura

Ogni anno le mura della città vengono restaurate per preservarle. Il recupero totale è un progetto costoso ma importante per riaprire al pubblico i tratti ancora esistenti. Il recente restauro di Porta Teguriense è un passo avanti verso questo obiettivo.

Il progetto di recupero delle mura

Il progetto di recupero delle mura

Ogni anno le mura della città vengono sottoposte a interventi di restauro, pulizia e mantenimento, per evitare che subiscano i deterioramenti dovuti al tempo. Più complessa invece, soprattutto dal punto di vista economico, la realizzazione di un progetto di recupero totale in grado di consentire nuovamente al pubblico di percorrere i tratti ancora esistenti attorno al centro storico. Nel 2022 è stata restaurata Porta Teguriense, che si affaccia su via Mura di San Vitale, un recupero importante che ha fatto riaffiorare l’antica porta nascosta fino a quel momento persino da un casotto realizzato, in precedenza, per proteggerla. Il progetto, come ha detto anche il sindaco, di riaprire gradualmente il percorso delle mura c’è. Lo dimostra anche la passerella realizzata in occasione del recupero di Porta Teguriense che va in direzione di Largo Giustiniano, dove si trova il Torrione della Polveriera, i cui lavori partiranno a breve. Ripristinare l’intero itinerario delle mura è complesso per i costi, perché in particolare alcuni tratti prima di diventare percorribili devono essere messi in sicurezza. Il percorso poi, una volta riaperto, dovrà essere gestito di giorno e di notte. Ma è un progetto a cui non si può rinunciare, da un punto di vista storico artistico, e anche sentimentale, perché le mura rappresentano uno dei luoghi più amati della città.