Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 mag 2022

‘Il Sorriso di Giada’ per una città senza barriere

L’associazione, fondata dalla madre della ragazzina affetta da grave disabilità, donerà sei bici senza pedali a una scuola

27 mag 2022

Sei biciclette senza pedali per aiutare i bambini, diversamente abili e normodotati, a sviluppare l’equilibrio, saranno consegnate ufficialmente alla scuola materna ravennate ‘Freccia Azzurra’ il 23 giugno per la festa di fine anno. Questa è solo l’ultima donazione dell’associazione ravennate ‘Il Sorriso di Giada’ che da anni si occupa di aiutare i disabili, in particolare bambini, e le loro famiglie e organizza iniziative volte alla loro inclusione nella società. Dietro a tutto questo lavoro, tra iniziative cittadine e laboratori nelle scuole, c’è Patrizia Zingale, arrivata nel 2006 per lavoro a Ravenna dalla Sicilia dove è nata in un paesino ai piedi dell’Etna. Patrizia è la mamma di Giada, una ragazzina affetta da epilessia migrante dell’infanzia, che compirà 15 anni il 23 agosto.

"Siamo nati come associazione nel 2016 – racconta Zingale –. Volevo aiutare i bambini che hanno problematiche gravi e le loro famiglie. Mi ha spinto Giada a fare tutto questo". Così l’associazione è partita con le prime iniziative. "Nel 2019 – continua la mamma di Giada – abbiamo acquistato un sollevatore per far scendere in acqua i bambini disabili alle terme di Punta Marina e con l’arrivo dell’attrezzo, rimasto in comodato d’uso nella struttura, è nato un progetto in collaborazione con la Pediatria di Ravenna. Poi abbiamo acquistato dall’America due carrelli ‘Caroline’s Cart’ che permettono alle famiglie di fare la spesa con i loro bambini speciali, e li abbiamo portati all’Esp dove sono a disposizione". Insomma, giorno dopo giorno, l’associazione ‘Il Sorriso di Giada’ ha aiutato la città di Ravenna ad abbattere le barriere e tutto questo grazie a lei, che oggi è diventata una ragazza. "Mia figlia – dice Zingale – mi ha insegnato a volermi bene, ad accettarmi, a vivere, a trovare la forza di andare avanti quando la mia vita è cambiata e non riuscivo a capire come reagire. Da lei io prendo spunto per tutte le iniziative dell’associazione in cui, oltre a sei o sette volontari, hanno un ruolo attivo anche le altre due mie figlie: Noemi, 12 anni, e Giulia, 11 (insieme nella foto), che partecipano ai nostri incontri nelle scuole". Sono diversi gli appuntamenti che ‘Il Sorriso di Giada’ tiene negli istituti cittadini. "Per quest’anno scolastico – dice Zingale – si è concluso il progetto ‘Mi presento, mi chiamo Giada’ che vede il racconto della vita di mia figlia per rieducare i ragazzi alla disabilità. Nelle materne abbiamo attivato il laboratorio ‘Coloriamo il mondo con la fantasia’ con la volontaria Silvia Cortesi e il mosaico donato dalla Sicis. Poi c’è ’Un sorriso in barca a vela’ che l’11 e il 12 maggio ha visto tre classi della ‘Guido Novello’ andare in mare, grazie al comandante Riccardo Ciccone e all’equipaggio di ‘All Sailing 2.0’, insieme a bimbi con gravi disabilità. Infine con ‘La tastiera a dieci dita’, curato dalla prof Paola Aquilotti, la tastiera diventa strumento di inclusione". Insomma, un tesoro di iniziative per la città e per le scuole, organizzate da ‘Il Sorriso di Giada’ che oggi conta un’ottantina di persone che la sostengono e tutti possono dare una mano donando il 5 per mille.

Milena Montefiori

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?