Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 lug 2021

"Il teatro nel nome di Goldoni, medico del paese"

Il padre del commediografo esercitò a Bagnacavallo. Questa è una delle tante curiosità che sono emerse dalla visita guidata di ieri

18 lug 2021

La visita guidata alla scoperta del teatro Goldoni è una delle proposte del Comune di Bagnacavallo riunite sotto il titolo ‘Benvenuti a Bagnacavallo – Lasciati condurre da chi la vive’, il progetto di promozione territoriale e turistica nato nell’ambito del percorso di partecipazione promosso dal Comune in collaborazione con l’associazione Spazi Indecisi di Forlì e cofinanziato dalla Regione Emilia Romagna. "Benvenuti a Bagnacavallo – spiegano i promotori – intende accogliere i visitatori e metterli in contatto con l’anima più autentica della città, per sua natura vocata a un turismo lento ed esperienziale". Tra le proposte, quella di visitare – e conoscere da tutti gli angoli e prospettive – il teatro Goldoni. È la guida turistica Raffaella Dapporto ad accompagnare nelle visite, ma non può mancare lo storico custode e tecnico del teatro, Cesare Giorgi, con spiegazioni, ricordi e aneddoti. Nato per la lirica, il teatro costò la demolizione dei resti del palazzo Brandolini che risaliva al 1300 e occupava la piazza. Bagnacavallo aveva già un teatro, all’ingresso in città, struttura in legno contenuta nell’antico palazzo Abbondanza; quando fu considerato non più idoneo, i cittadini chiesero alla Legazione di Ferrara di poter costruire un nuovo teatro e si procedette al bando di gara con definizione dei parametri (doveva essere bello, identificabile e ben visibile, con spazio adeguato di arrivo alle carrozze), che vide approvato il progetto di Filippo Antolini. Allora il teatro aveva funzioni sociali e di classe; i palchi avevano retropalchi di servizio con tavoli, provviste, divani (erano ‘salotti’ trasferiti in teatro per fare vita di società) e la plebe saliva da ingresso laterale direttamente in loggione, senza mescolanze e contatti con i cittadini di rango più elevato. Il teatro contiene ancora alcune macchine di scena, essendo lontani all’epoca i rumoristi e gli effetti speciali; e arredi originali rimasti nei palchi. Si ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?