Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Ilenia Fabbri uccisa perché "voleva i diritti di moglie e lavoratrice"

Ecco le motivazioni della sentenza di condanna all’ergastolo per Claudio Nanni ("che ha mentito su tutto") e il killer reo confesso Pierluigi Barbieri

andrea colombari
Cronaca
Claudio Nanni, ex marito della Fabbri, accusato di essere il mandante
Claudio Nanni, ex marito di Ilenia Fabbri, accusato di essere il mandante

Ravenna, 11 maggio 2022 - La vittima: "Fu uccisa perché voleva vedersi riconosciuti i propri diritti di moglie e di lavoratrice". Il marito mandante: "Ha dato risposte tutte prive di ragionevolezza, logica, verosimiglianza. Basterebbe anche solo il suo esame per ritenere la sua colpevolezza al di là di ogni ragionevole dubbio". E il sicario reo confesso: "La dinamica dell’azione omicidiaria descritta dal suo autore collima perfettamente con quella desumibile dall’autopsia". Attraverso 110 pagine a firma del presidente del tribunale Michele Leoni, la corte d’assise ha spiegato le ragioni del doppio ergastolo inflitto il 28 febbraio scorso per l’omicidio di Ilenia Fabbri, la 46enne sgozzata nel suo appartamento di via Corbara a Faenza attorno alle 6 del 6 febbraio 2021. Imputati, il 55enne meccanico manfredo Claudio Nanni, marito della defunta difeso dall’avvocato Francesco Furnari e inquadrato dalle indagini della polizia coordinate dal pm Angela Scorza quale mandante dell’omicidio. E il 54enne Pierluigi Barbieri, alias Furia o lo Zingaro, nato a Cervia ma domiciliato a Rubiera, nel Reggiano, prima di finire in carcere, difeso dall’avvocato Marco Gramiacci e per sua triplice confessione esecutore materiale del delitto. Secondo quanto ricostruito dalla procura, l’omicidio Fabbri era stato pianificato nel contesto degli attriti legati alla divisione del patrimonio coniugale. Barbieri aveva spiegato a più riprese di avere ricevuto mandato di uccidere la 46enne con la promessa di 20mila euro e un’auto usata. "Importanti sono i contatti fra Nanni e Barbieri - si legge nelle motivazioni - telefonici e non". In particolare vi sono alcuni messaggi, "cancellati ma recuperati" che più di altri disvelano il delitto: "Per la vendita della moto si deve assolutamente fare, è necessario farla fra l’1 e il 5". Ma soprattutto viene indicata l’annotazione registrata sul telefonino di Nanni alla data del 10 ottobre 2020: " valigia, buco chiavi", materiale in effetti sequestrato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?