Quotidiano Nazionale logo
11 set 2021

Omicidio di Ilenia Fabbri: parte civile il fidanzato, il padre e la zia

I tre si costituiranno assieme alla figlia nel processo per la morte della 46enne massacrata il 6 febbraio scorso

milena montefiori
Cronaca
featured image
Ilenia Fabbri è stata uccisa a 46 anni il 6 febbraio scorso

Ravenna, 11 settembre 2021 - È rimasto sempre defilato, colpito da un dolore silenzioso e assordante allo stesso tempo. Un dolore che ora, a distanza di poco più di sette mesi, ha portato Stefano Tabanelli a manifestare l’intenzione di costituirsi parte civile nel processo che si aprirà per la morte della fidanzata, la 46enne Ilenia Fabbri, uccisa il 6 febbraio scorso intorno alle 6 all’interno del suo appartamento di via Corbara a Faenza. Come lui chiederanno di costituirsi parte civile il padre di Ilenia, Luciano Fabbri e la zia di lei, Donatella Graziani. Tutti sono tutelati dall’avvocato Massimiliano Starni, del Foro di Forlì. Vicenza, femmminicidio Rita Amenze: arrestato l'ex marito in fuga Ancora non è chiaro se la costituzione di parte civile di Tabanelli, Fabbri e Graziani venga notificata nei giorni precedenti o presentata proprio il 6 ottobre, quando in corte d’assise a Ravenna si aprirà il processo per la morte di Ilenia. Omicidio di Faenza, Nanni rinuncia all’eredità a favore della figlia - Omicidio di Faenza: tutti subito a processo Tra gli imputati, oltre al 53enne Pierluigi Barbieri, alias ‘Lo Zingaro’, di origine cervese ma residente nel Reggiano ed esecutore materiale del delitto e reo confesso, c’è anche il 54enne Claudio Nanni, di professione meccanico, e marito della vittima, inquadrato dall’accusa come mandante. Fatto sta che le parti offese che si costituiranno parte civile per la morte di Ilenia diventano quattro con la figlia della 46enne, Arianna Nanni, che, tutelata dall’avvocato Veronica Valeriani, è intenzionata pure lei a farlo. Una scelta, quella della ragazza, tutt’altro che scontata per la presenza del padre tra gli imputati ma anche perché nelle fasi iniziali delle indagini Arianna aveva ostinatamente difeso il genitore arrivando a ritagliare per lo Zingaro un ruolo quasi autonomo per l’assassinio della madre. Per quanto riguarda la costituzione di parte civile ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?