Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 giu 2022

Illecito finanziamento Covid Indagati imprenditori e consulenti

La Finanza ha sequestrato beni per 840mila euro alla Tecnohelp 4.0, azienda di forniture per alberghi e ristoranti, e alla Holding srl. In tutto sono cinque i vertici coinvolti nell’inchiesta della Finanza

2 giu 2022
Le indagini svolte dal nucleo di Polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle
Le indagini svolte dal nucleo di Polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle
Le indagini svolte dal nucleo di Polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle
Le indagini svolte dal nucleo di Polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle
Le indagini svolte dal nucleo di Polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle
Le indagini svolte dal nucleo di Polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle

La guardia di Finanza di Ravenna ha sequestrato beni tra immobili e disponibilità finanziarie per 840mila euro a tre persone accusate di avere illecitamente ottenuto un finanziamento Covid garantito dallo Stato. La misura è scattata in ragione di un sequestro preventivo emesso dal Gip Corrado Schiaretti su richiesta del Pm Silvia Ziniti per le ipotesi di reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche e truffa aggravata a danno dell’istituto di credito erogante. Gli indagati sono Massimo Bartoletti, 52enne di Ravenna, legale rappresentante e socio unico della Tecnohelp 4.0 srl, azienda ravennate operante da vent’anni nel settore delle forniture per ristoranti e alberghi; con lui gli ex consulenti aziendali, Giampaolo Nizzoli, 52enne di Reggio Emilia, e Maurizio Calza, 64enne della provincia di Bologna, accusati di essersi appropriati della cassa della Tecnohelp per poi costituire, con gli 840mila euro indebitamente percepiti, una nuova società, la Holding srl. Indagati in concorso, ma non destinatari di provvedimenti di sequestro, sono anche un ex amministratore Tecnohelp e un ex consigliere. Le indagini del nucleo di Polizia Economico-Finanziaria sono scattate da alcune segnalazioni per operazioni sospette circa movimenti anomali sui conti della Tecnohelp 4.0, beneficiaria a giugno 2020 di un importante finanziamento ottenuto con la procedura semplificata prevista dalla normativa emergenziale. Dagli accertamenti bancari è poi emersa un’attività di svuotamento continuo delle casse aziendali a beneficio di due persone da poco subentrate nella compagine sociale, Nizzoli e Calza, attraverso un passaggio di quote risalente all’agosto 2020. Intanto l’ex socio unico dell’impresa, Bartoletti, aveva fatto denuncia in cui lamentava di essere stato raggirato da presunti consulenti aziendali che lo avrebbero prima indotto a richiedere il finanziamento per poi rilevare le quote di sua proprietà senza però pagarne il prezzo. Anzi, appena acquisita formalmente la titolarità della società, i due consulenti avrebbero cambiato repentinamente atteggiamento estromettendolo dalla gestione commerciale. Dalle ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?