Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 apr 2022

Kinder e salmonella a Ravenna, un bimbo si sente male. I Nas sequestrano l'ovetto

Anche la sorella avrebbe accusato qualche malessere. Attraverso le analisi si dovrà capire se possa esserci correlazione fra il prodotto e l'agente batterico

17 apr 2022
nicola bianchi
Cronaca
featured image
Anche in Inghilterra e in Irlanda sono stati ritirati alcuni lotti di ovetti Kinder
featured image
Anche in Inghilterra e in Irlanda sono stati ritirati alcuni lotti di ovetti Kinder

Ravenna, 17 aprile 2022 - Un altro caso di salmonella collegato, secondo quanto sta emergendo negli ultimi giorni, con ogni probabilità agli ovetti Kinder prodotti nello stabilimento belga di Arlon. I Nas di Bologna, infatti,  hanno sequestrato nelle ultime ore un uovo di cioccolata, dopo che, la settimana scorsa, un bambino di 12 anni a Ravenna si è sentito male dopo averlo mangiato. Gli è stata diagnosticata la salmonella e dopo un breve ricovero è tornato a casa.

Le analisi del Nas: nessuna traccia nell'ovetto di cioccolato

Anche la sorella, secondo quanto ha riportato il Corriere di Romagna, che aveva mangiato lo stesso prodotto, ha accusato qualche piccolo malessere. Il sequestro è scattato in seguito all'esposto presentato dai genitori: i carabinieri del nucleo antisofisticazione hanno sequestrato uno dei tre ovetti Kinder che facevano parte della confezione di quello mangiato dal bambino poco prima di sentirsi male. L'obiettivo dei Nas è capire, attraverso le analisi, se possa esserci una correlazione fra il prodotto e la salmonella, dopo i casi che si sono verificati in alcuni paesi europei, legati a infezioni dovute a prodotti a base di cioccolato.

Dopo l'allerta per la possibile contaminazione del cioccolato, sia in Europa che in Italia, continuano i ritiri delle uova di cioccolato. Sotto indagine resta lo stabilimento di Rue Pietro Ferrero di Arlon, in Belgio, chiuso l'8 aprile. A lanciare l'allarme era stato lo stesso Regno Unito dopo aver identificato il primo caso il 7 gennaio. Le infezioni, al momento, si sono verificate in nove Paesi e hanno riguardato soprattutto bambini di età inferiore ai 10 anni.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?