Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 lug 2022
30 lug 2022

"Le piccole realtà vanno difese"

30 lug 2022

Renzo Bertaccini, titolare della libreria Bottega Bertaccini, quali libri vende di più?

"Premetto che la mia è una libreria specializzata in pubblicazioni di carattere locale, che trattano di Faenza e della Romagna, dell’arte e della ceramica del territorio. Dunque la mia offerta è molto settoriale nel panorama editoriale. Tuttavia è vero anche che le novità dedicate al nostro territorio su storia, saggistica, tradizioni, arte, ed escursionismo si vendono sempre bene perché esiste un bel pubblico di appassionati e cultori.

Quale fascia d’età è più interessata?

"L’età della mia ’clientela tipo’ è sicuramente medio-alta, ma da un po’ di tempo riscontro interesse anche da parte delle fasce giovanili, curiose nei confronti delle tradizioni popolari, del dialetto, della storia".

I libri cartacei vendono di più o di meno rispetto agli anni passati?

"Escluso l’anno 2020 e gli effetti della pandemia, sto notando un lieve ma costante aumento nelle vendite. I ’giganti’ del commercio elettronico continuano a fare la parte del leone, ma forse nelle persone c’è un ritorno al rapporto diretto con i librai e le librerie in carne e ossa. In molti avvertono la consapevolezza che di questo passo. Comprando libri sempre e solo in rete, a lungo andare i negozi locali sono destinati a chiudere, trasformando le nostre città in luoghi deserti e desolati. E invece se ci piace vivere in città belle e vive dobbiamo fare delle scelte anche come singoli consumatori, privilegiando le attività locali".

C’è un libro particolare o un genere in particolare che si sente di consigliare?

"Dal mio punto di vista molto ’localista’ consiglierei la nuova e monumentale edizione dei ’Sonetti romagnoli’ di Olindo Guerrini-Lorenzo Stecchetti, curata da Renzo Cremante e con le traduzioni di Giuseppe Bellosi. Anche se noi romagnoli non abbiamo avuto un Dante Alighieri che abbia nobilitato la nostra parlata, possiamo dire che in parte c’è riuscito Guerrini coi suoi sonetti, che hanno unificato il nostro dialetto. Il suo libro è una bella lettura e un bel regalo, per sé o per gli amici".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?