Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 mag 2022

Ravenna, il liceo vara il registro gender free: "Liberi di sentirsi uomo o donna"

Saranno riconosciute le ’carriere alias’: gli studenti che si identificano in un altro genere verranno chiamati nel modo che si sono scelti

17 mag 2022
sara servadei
Cronaca
Il preside Gianluca Dradi nel 2019, davanti al murales contro l’omofobia A destra un bagno (repertorio)
Il preside Gianluca Dradi nel 2019, davanti al murales contro l’omofobia
Il preside Gianluca Dradi nel 2019, davanti al murales contro l’omofobia A destra un bagno (repertorio)
Il preside Gianluca Dradi nel 2019, davanti al murales contro l’omofobia

Ravenna, 17 maggio 2022 - Sul registro elettronico, nell’indirizzo di posta elettronica, negli elenchi e in tutti i documenti scolastici: ovunque gli studenti, se lo vorranno, saranno indicati col nome che si sono scelti, nel caso in cui questo sia diverso dall’anagrafe. Il liceo artistico Nervi Severini si prepara a riconoscere le ’carriere alias’: un modo per andare incontro ai ragazzi che non si riconoscono nel genere assegnato loro alla nascita. Di fatto si tratta di accordi tra scuola, studente e famiglia (nel caso in cui il ragazzo o la ragazza siano minorenni) per favorire il benessere psicologico della persona che, vivendo una situazione di varianza di genere, può vedersi riconosciuto il proprio vissuto attraverso il diritto di essere chiamato, almeno nell’ambito scolastico, col nome d’elezione. Non importa quindi cosa dice l’anagrafe: per la scuola il nome e il genere del ragazzo o della ragazza saranno quelli che lui o lei ha stabilito. "Si tratta di una buona prassi – si legge in una nota della scuola – che evita a queste persone il disagio di continui e forzati coming out e la sofferenza di subire possibili forme di bullismo". La novità è stata annunciata ieri dalla presidente del Consiglio di istituto Elisabetta Trovisi e dal dirigente scolastico Gianluca Dradi in occasione della giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, mentre la proposta di un regolamento verrà presentata nel prossimo Consiglio d’istituto, il 30 maggio. "Ho ricevuto due richieste esplicite nel corso di quest’anno, e mi sono accorto che in questa scuola questa è una componente di studenti che esiste" spiega Gianluca Dradi, il preside arrivato all’artistico lo scorso settembre e che si è sempre mostrato attento alle tematiche della lotta all’omofobia. Celebre un episodio del 2019, quando sul muro del liceo scientifico di cui era dirigente comparve la ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?