Mascia Ferri
Mascia Ferri

Ravenna, 14 gennaio 2020 - Si chiamerà ‘Serafina’ e aprirà entro febbraio il nuovo locale in via Mariani all’angolo con via Boccaccio. A rilevarlo sono stati Cristiano Ricciardella, la moglie Mascia Ferri e Vincenzo Del Vecchio, già socio della coppia nella gestione dello Chalet dei Giardini pubblici. Questa imminente inaugurazione porrà fine alla travagliata storia di un bar, quello appunto davanti al teatro Alighieri, che da anni passa da una gestione all’altra, nonostante la posizione invidiabile in una delle strade più vivaci del centro storico. Per la rodata coppia Ricciardella/Ferri si tratta di una nuova avventura nel mondo della ristorazione, dopo il rilancio dello Chalet dei Giardini pubblici e l’America Graffiti a CinemaCity. La loro società si è inoltre aggiudicata la gestione dello stabilimento balneare dell’Esercito di Marina di Ravenna che dovrebbe così tornare in attività per la prossima stagione estiva.

Mascia Ferri: "Vi presento il nuovo 'Serafina'"

"Per noi – spiega Mascia Ferri – quella di via Mariani è una sfida, così come accadde quando prendemmo in gestione lo Chalet dei Giardini. Anche in quel caso il locale veniva da precedenti gestioni che avevano vissuto alti e bassi. Abbiamo paura, come allora, è normale, ma abbiamo anche la stessa grinta". Il locale sarà aperto dalle 7 del mattino fino a mezzanotte. Si partirà dunque con le colazioni, mentre a pranzo la formula sarà la stessa adottata per il brunch dello Chalet, al quale si aggiungerà una novità, e cioè un angolo dedicato alle insalate fatte sul momento, quindi ci saranno gli aperitivi e la pizzeria la sera.

"Riguardo alla ristorazione – prosegue Mascia Ferri – proseguiamo con l’attenzione verso il cibo salutista. La qualità degli ingredienti, delle materie prime. Ci rivolgiamo a chi ama la cucina tradizionale, ma anche a chi è vegano e vegetariano. È il motivo per cui ho pensato al nome ‘Serafina’: era la nonna di mio marito Cristiano e metteva tutti a tavola. Questo era il suo slogan, ed è anche la nostra filosofia e vorremmo usarlo anche noi nel locale. È un nome dal sapere antico e mi è sempre piaciuto, in più finora sono sempre stata io a scegliere come chiamare i locali, e abbiamo voluto continuare la tradizione".

L’intenzione è quella di aprire un luogo che possa soddisfare quindi le esigenze più diverse, da chi è in pausa pranzo a chi è in biblioteca o a lezione nel vicina sede universitaria di Palazzo Corradini, fino a sera. Chi uscirà da teatro potrà finalmente fermarsi per uno spuntino o una pizza. Il locale, che Cristiano Ricciardella e Mascia Ferri hanno acquistato, è di circa trecento metri quadrati, ed è composto dallo spazio che si affaccia su via Mariani e in parte su via Boccaccio, e da una saletta leggermente sopraelevata. In questi giorni i lavori proseguono per mettere a punto gli ultimi interventi di messa a norma. Lo stile del locale, all’interno del quale lavoreranno 8, 9 persone, sarà contemporaneo e ci sarà uno spazio all’esterno per sedie e tavolini. "Crediamo molto in questo posto – conclude Mascia Ferri – e nelle sue potenzialità. Si trova in una strada molto frequentata, vivace, ricca di uffici e di passaggio, dal momento che è anche a pochi metri da Largo Firenze che è uno dei pochi parcheggi rimasti in centro. Non bastasse siamo di fronte al teatro e a pochi metri dall’università. Al momento ci occuperemo dell’esterno con un arredo basilare, ma abbiamo progetti anche per il fuori, ma ci penseremo un po’ alla volta e intanto aspettiamo che arrivi la primavera".