Cervia, 12 ottobre 2021– La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Ravenna han dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo con il quale il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Ravenna, su proposta della locale Procura della Repubblica, ha disposto il sequestro di 8 unità immobiliari distratte dal patrimonio di una società poi fallita nel 2019 e conferite a 2 società di nuova costituzione riconducibili agli stessi amministratori della cedente. L’operazione distrattiva, dolosamente pianificata dagli amministratori della società e dai consulenti intervenuti, permetteva di mettere al riparo dal dissesto aziendale la proprietà di 2 negozi, 1 garage e 3 appartamenti siti in una centralissima via di Milano Marittima e un ulteriore appartamento con magazzino annesso siti in Ravenna, sottraendoli così alle legittime pretese risarcitorie dei creditori insoddisfatti. L’intera indagine traeva origine da un’ispezione tributaria condotta dai finanzieri del gruppo della Guardia di Finanza di Ravenna nei confronti di una società operante nel settore commerciale della vendita al dettaglio di abbigliamento e accessori di alta gamma a seguito della quale, oltre alle contestazioni amministrative in materia di imposte dirette ed Iiva le Fiamme Gialle segnalavano alla locale Procura della Repubblica l’effettuazione, con modalità anomale, di un’operazione straordinaria di scissione societaria attraverso la quale era stato dolosamente e scientemente depauperato il patrimonio immobiliare della società che già versava in un conclamato stato di decozione ed era oramai inattiva ed in stato di liquidazione volontaria.
A seguito della predetta comunicazione, il Pubblico Ministero operante, preso atto degli ingentissimi debiti tributari, contributivi e previdenziali non onorati, avanzava istanza di fallimento al Tribunale di Ravenna che nel 2019 dichiarava formalmente fallita la società indagata. I successivi approfondimenti delegati alla Guardia di Finanza e gli stessi riscontri effettuati dal curatore fallimentare nel frattempo nominato confermavano l’illeceità dell’operazione di scissione societaria risultata avere finalità esclusivamente distrattive, peraltro pianificata ed attuata quando gravavano già sulla società anche ingenti debiti tributari e contributivi e numerosi solleciti per passività insolute. A seguito di quanto accertato, i militari operanti deferivano alla Procura della Repubblica l’amministratore della società ed i due consulenti che avevano fornito il loro apporto professionale per l’esecuzione del piano fraudolento per il reato di concorso in bancarotta fraudolenta per distrazione e di bancarotta impropria derivante dal reato di falso in bilancio per aver ritardato l’emersione dello stato di insolvenza gonfiando artatamente il bilancio chiuso a gennaio 2015, sopravvalutando alcune poste attive tra le quali il valore delle immobilizzazioni immateriali costituite dall’avviamento aziendale e dal sito web commerciale, al solo fine di offrire una situazione patrimoniale rassicurante per il sistema bancario ed i fornitori, nonché per la stessa amministrazione finanziaria creditrice e mascherare così l’entità delle reali passività patrimoniali, potenzialmente ostative al progetto di scissione. In particolare dalla ricostruzione delle vicende societarie, dal carteggio telematico acquisito agli atti dell’indagine e dalle dichiarazioni rese dagli stessi soci emergeva l’assoluta rilevanza dell’apporto fornito dai due consulenti aziendali, i quali, peraltro, dopo solo 3 mesi dall’effettuazione dell’operazione distrattiva facevano ingresso, attraverso una società veicolo di diritto svizzero, nella compagine di una delle società di nuova costituzione beneficiarie di parte del prezioso complesso immobiliare distratto.
È stato così richiesto ed ora eseguito il sequestro preventivo cautelare di tutti i cespiti immobiliari frutto della condotta delittuosa distrattiva, il cui valore contabile all’epoca era stimato in 3.886.603 euro e che oggi hanno un valore attuale commerciale stimabile in oltre 4 milioni di euro.