I soccorsi per il bagnante sono stati inutili
I soccorsi per il bagnante sono stati inutili

Ravenna, 10 luglio 2020 - Un uomo di 72 anni, residente a Reggio Emilia, è morto questa mattina in mare a Lido di Dante. A ritrovarlo in acqua, a testa in giù, è stato un bagnino di salvataggio, in un tratto prospiciente la spiaggia libera tra i bagni Smeraldo e Classe.

Leggi anche Chi era l'uomo stroncato da un malore in mezzo al mare

Si ipotizza un malore come causa del decesso, le condizioni del mare erano buone e faceva caldo. Per oltre un'ora il personale di salvataggio e gli uomini del 118 hanno provato a tenerlo in vita attraverso manovre cardiopolmonari e con l'uso del defibrillatore, ma non c'è stato nulla da fare. L'uomo pare avesse patologie pregresse.

A Lido di Dante aveva la seconda casa dove ogni anni si recava in villeggiatura. Pare fosse andato in acqua da solo, mentre la moglie si trovava sotto l'ombrellone. Le cause della tragedia, che non ha testimoni diretti nonostante la spiaggia fosse affollata, sono al vaglio della Capitaneria di porto. Sull'uomo sarà disposta un'ispezione cadaverica per stabilire le cause del decesso.