Quotidiano Nazionale logo
10 mag 2022

Non dimentichiamoci dei troppi morti per abuso di alcol

daniele vistoli *
Cronaca

...con la documentazione necessaria, la tempistica da rispettare, la circolare ‘Piantedosi’ del 2018 sui livelli di sicurezza, una nota di sintesi, la modulistica e perfino una bozza di regolamento per il funzionamento delle Commissioni comunali di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, utile soprattutto per i Comuni che ne siano ancora sprovvisti.

Il documento, di oltre 40 pagine, contiene alla fine due paginette di “buone norme comportamentali”, da “buon padre di famiglia” direi, che hanno l’intento, con nessuna finalità prescrittiva o sanzionatoria, di raccomandare agli organizzatori di eventi una corretta informazione, evitando possibilmente l’utilizzo di titoli o immagini che possano condurre a un uso smodato o a eccessi di prodotti alcolici. Qualcuno (non tanti per la verità) si è focalizzato solo su queste due paginette, ironizzando e quasi ridicolizzando il significato di queste “buone norme”. Forse qualcuno dimentica i troppi morti per le conseguenze degli abusi da sostanze alcoliche, sulle strade e altrove, le liti e le risse che conseguono sovente agli eccessi o alla “malamovida”. Basti citare che nel 2021 la Prefettura di Ravenna ha adottato ben 527 provvedimenti di sospensione di patenti per ebbrezza alcolica e altre 22 sospensioni per uso di sostanze stupefacenti.

Si può essere non d’accordo e da prefetto e giornalista accetto tutte le critiche, ci mancherebbe. Fortunatamente siamo in un Paese dove ognuno può liberamente manifestare il proprio pensiero, ma stiamo attenti a minimizzare o peggio ancora a ironizzare. Chiunque può chiamare gli eventi come ritiene, non c’è nessuna sanzione! Ho ritenuto opportuno e doveroso chiudere la direttiva con un sintetico elenco di “azioni di prevenzione sui rischi da alcol correlati per un codice etico di comunità”, per rispetto di quei genitori, familiari, amici di tante giovani vite stroncate per gli abusi o gli eccessi da sostanze alcoliche. E a volte il linguaggio può essere educativo. Era mio dovere farlo, a margine di un atto d’Indirizzo che ha come obiettivo quello di richiamare gli organizzatori sulle misure imprescindibili di ”Safety e security” da adottare, come stiamo già facendo, ad esempio per il “Jova beach party 2022”, per i prossimi grandi eventi che si terranno a Ravenna. Anche in questo caso per prevenire i rischi e possibilmente prevedere anche ”l’imponderabile”.

Castrese De Rosa

Prefetto di Ravenna

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?