Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Nuove aree pedonali in centro

Il Comune ha presentato ai commercianti e alle associazioni l’ipotesi di estendere la zona a traffico limitato

Largo Relencini dovrebbe diventare ztl in alcune fasce orarie
Largo Relencini dovrebbe diventare ztl in alcune fasce orarie
Largo Relencini dovrebbe diventare ztl in alcune fasce orarie

L’incremento delle Ztl (Zone a traffico limitato) nel centro storico, la pulizia del Pavaglione, la situazione della galleria del Crédit Agricol sono stati alcuni degli argomenti discussi nella riunione della Consulta Lugo Centro Storico svoltasi martedì sera e a cui ha partecipato l’assessore comunale ai lavori pubblici Veronica Valmori. Nel corso della serata, l’assessore Valmori ha presentato l’ipotesi di modifica ed implementazione della Zona a traffico limitato che prevede la regolamentazione degli accessi attraverso una sistema di varchi con telecamere e la realizzazione di aree pedonali nel centro.

L’ipotesi era stata presentata nella giornata di martedì anche alle associazioni di categoria e ai commercianti interessati. L’obiettivo, ha precisato l’assessore, "è rendere il centro storico più attrattivo, accessibile e sicuro per pedoni e biciclette e diminuire il traffico delle auto e il conseguente inquinamento. In seguito all’attivazione dei varchi ci sarà un capillare controllo nelle aree a traffico limitato sia in quelle in funzione 24 ore su 24 come piazza Trisi, piazza Savonarola e largo Calderoni, sia in quelle che lo diventeranno in alcune fasce orarie come gli ultimi tratti di corso Matteotti e corso Garibaldi, e largo Relencini". Alcune aree saranno dedicate alla sola mobilità pedonale e ciclabile e per la precisione si tratta di piazza Martiri, largo della Repubblica e via Baracca (nel tratto tra via Codazzi e piazza Trisi) che non saranno quindi più interessate dal traffico carrabile; gli utenti con disabilità potranno sostare in largo Calderoni e nei parcheggi di largo Relencini che diventeranno a loro riservati, mentre i commercianti e i fornitori che devono accedere al centro potranno farlo in limitate fasce orarie. Le modifiche dovrebbero (il condizionale è d’obbligo perchè si tratta finora di ipotesi) entrare in vigore a fine maggio.

Nella riunione della consulta si è parlato anche della lista di priorità riguardanti il centro storico che i consiglieri dovranno stilare e che verranno poi consegnate all’amministrazione comunale. In proposito è intervenuta Anna Baraldi, consigliere di Consulta per la Lega, che ha indicato come priorità "il monitoraggio delle alberature del giardino pensile, il controllo delle biciclette che circolano nel Pavaglione nonostante il divieto, un maggior controllo della pulizia di cestini e marciapiedi da parte di Hera, la potatura di 6 ippocastani in viale Orsini che oscurano l’illuminazione". Baraldi ha segnalato anche la situazione degli alberi di Cercis Siliquastrum all’interno del Pavaglione, "che versano in cattive condizioni e andrebbero cambiati con altre alberature".

Si è parlato anche del problema delle deiezioni dei cani nel Pavaglione: è intervenuto il sindaco Davide Ranalli, presente tra il pubblico, che ha annunciato una manutenzione straordinaria in programma nel Pavaglione e ha affermato che "la legge prevede già che i proprietari dei cani circolino nei luoghi pubblici con il sacchettino, la bottiglietta e il cane, se grande, munito di museruola".

Si è infine parlato anche della centralissima galleria di proprietà del Crèdit Agricol, e l’assessore Valmori ha precisato che sono state installate 4 telecamere attive da qualche giorno; per quanto riguarda la manutenzione e la pulizia della galleria, il sindaco ha precisato che "con il Crédit Agricole è difficilissimo entrare in contatto, perché la sede centrale è a Parigi e non rispondono".

Lorenza Montanari

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?