Quotidiano Nazionale logo
14 mag 2022

Nuove aule, palestre, spazi di lavoro Per le scuole lavori da 15 milioni

Al Nervi Severini è stata ristrutturata la chiesina e quest’estate si restaura tutto l’ultimo piano. Cantieri anche all’itis Nullo Baldini, al Morigia, al Compagnoni di Lugo e allo scientifico di Faenza

Il preside del liceo artistico Nervi Severini Gianluca Dradi davanti alla chiesina ristrutturata da poco
Il preside del liceo artistico Nervi Severini Gianluca Dradi davanti alla chiesina ristrutturata da poco
Il preside del liceo artistico Nervi Severini Gianluca Dradi davanti alla chiesina ristrutturata da poco

Al liceo artistico Nervi si ristruttura l’ultimo piano, al liceo scientifico di Faenza si chiude il cantiere vicino alla segreteria, all’itcg Compagnoni di Lugo si realizza una nuova palestra, all’itis Nullo Baldini di Ravenna si fanno nuove aule. E così via, l’elenco è lungo e in totale fanno circa 15 milioni: a tanto ammontano i lavori in programma nelle scuole del territorio da qui al 2026. Merito del Pnrr: "Sarà non solo un’estate – spiega Maria Luisa Martinez, consigliera provinciale con delega all’Edilizia scolastica – ma un periodo fortemente intenso, perché abbiamo messo in programma i lavori su tante scuole. Alcuni di questi cantieri non possono essere portati avanti solo d’estate, ma per arrivare a completare tutto entro il 2025 e 2026, così come richiesto dal Pnrr, si dovrà lavorare anche mentre i ragazzi sono a scuola. Ci sarà da rimboccarsi le maniche".

I disagi sono inevitabili, le novità sono destinate a rendere le scuole più adatte alle esigenze degli studenti. Partiamo quindi dal liceo artistico Nervi Severini, dove il 26 maggio si inaugura la chiesina sconsacrata di Santa Maria delle Croci in via Guaccimanni, che è stata restaurata: "Diventerà la nuova aula magna e la useremo per esporre le opere dei nostri studenti" spiega il preside dell’artistico Gianluca Dradi. Da giugno poi al Nervi partirà il cantiere per ristrutturare il secondo e ultimo piano dell’edificio, inagibile da tempo. Qui verranno realizzati perlopiù laboratori, e nel contempo va avanti la trattativa per ottenere nuove aule per la scuola negli spazi inutilizzati di una primaria della città.

All’itis Nullo Baldini verranno realizzate 5 nuove aule: dovranno rispondere all’aumento di iscrizioni degli ultimi anni. Il Callegari da solo si aggiudicato un finanziamento da 4 milioni e 550mila euro: serviranno per abbattere quello che viene chiamato ’il grande magazzino del cantiere navale’. Anche la palestra verrà rimossa per farne una nuova più grande, assieme ad aule polivalenti e a un archivio più piccolo. Stessa musica all’iti di Lugo, dove le vecchie officine spariranno, mentre il Compagnoni vedrà un ampliamento: verranno realizzate nuove officine, nuove aule anche polivalenti e un locale adibito a piccola palestra. Anche al Morigia arriverà una nuova palestra e aule polivalenti.

Al liceo Torricelli Ballardini di Faenza invece termineranno a breve i lavori nella sede dell’artistico, mentre si sbloccheranno i lavori allo scientifico in via Santa Maria dell’Angelo: "C’era un cantiere bloccato nei pressi della segreteria – dice Martinez – e ripartirà dalla fine dell’anno, tra settembre e ottobre. Verranno realizzati alcuni laboratori, biblioteca e delle aule. Ora lavoriamo sodo per far stare i nostri giovani nella situazione migliore possibile per acquisire formazione e competenze".

Sara Servadei

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?