Ravenna, 8 marzo 2021 - Claudio Nanni, 54 anni di Faenza, è in carcere dal 3 marzo scorso e oggi ha detto la propria verità al Gip: ovvero che sì, ha dato le case di casa di Ilenia Fabbri a Pierluigi Barbieri ma, no, non voleva che lui la uccidesse. Voleva solo intimidirla con la presenza di uno sconosciuto in casa perché lei gli chiedeva continuamente soldi.

Omicidio di Faenza, l'ex marito: "Ilenia si era accanita contro di me"

Pierluigi Barbieri ha confessato di aver ucciso Ilenia Fabbri

Ora, l'avvocato spiega che in questi giorni in cella, Nanni ha scritto alla figlia Arianna.  Figlia con con la quale ha abitato per un mese dopo il delitto della ex consorte: la ragazza ha detto più volte - in quel periodo - di credere all'innocenza del padre. Nella lettera, le spiega che "le cose non dovevano andare così, che le vuole bene, le vorrà sempre bene". A dirlo, è stato l’avvocato difensore Guidi Maffuccini intrattenendosi con i giornalisti dopo l’interrogatorio di garanzia del proprio assistito oggi pomeriggio fuori dal tribunale di Ravenna.

Omicidio di Faenza: la figlia Arianna (Zani)

Molto diversa, invece, la versione dei fatti che Pierluigi Barbieri, cervese di 53 anni che vive in provincia di Reggio, detto 'lo zingaro'. Barbieri ha risposto a tutte le domande del Gip, confessando che Nanni gli ha chiesto di uccidere l'ex moglie e fare sembrare che fosse morta in un tentativo di rapina. E che Nanni, per questo, gli aveva promesso un compenso di 20mila euro e un'auto.

false

I due sono accusati i di omicidio aggravato in concorso aggravato dalla premeditazione. Per Nanni ci sono le anche le aggravanti dei motivi abbietti e dell’avere agito contro la moglie.