Il ritorno a Passogatto è previsto per lunedì mattina (Scardovi)
Il ritorno a Passogatto è previsto per lunedì mattina (Scardovi)

Passogatto (Ravenna), 19 aprile 2019 - Una splendida giornata di sole ha fatto da cornice alla partenza, questa mattina a Passogatto di Lugo dall’area adiacente il santuario della Beata Vergine di Loreto, alla seconda edizione dell’Ape Romagna Tur (scritto appositamente 'tur', storpiando l’inglese 'tour'), un giro di quasi 600 chilometri lungo una ‘mezza’ Romagna che vede protagonisti sei amici accomunati dalla passione per l’Apecar’, il caratteristico ciclomotore a tre ruote prodotto dalla ‘Piaggio’. Un’avventura che è stata dedicata a Vittorio ‘Topone’ Piva, l’81enne che lo scorso 28 ottobre, mentre era alla guida del suo inseparabile Ape Car, perse la vita in un pauroso incidente stradale verificatosi a Ciribella.

La colorata mini-carovana percorrerà complessivamente 600 km (Scardovi)

Anche lui, infatti, lo scorso anno prese parte all’originale iniziativa, facendosi apprezzare sia dai compagni di viaggio che dagli spettatori in occasione delle soste lungo il percorso, per la sua innata simpatia, per la semplicità e per i tanti aneddoti che avevano contraddistinto la sua vita. Aneddoti che è possibile trovare nel suo libro autobiografico, in parte scritto proprio durante la prima edizione del ‘Tur’, dal titolo ‘Fatalità o Miracoli’. Ad assistere alla partenza c’erano anche il sindaco di Lugo Davide Ranalli e l’assessore Pasquale Montalti. Protagonisti di questa seconda edizione sono Francesco Leoni di Giovecca, Stefano Leoni (padre di Francesco) di Passogatto, Ivo Menegazzo di Massa Lombarda, Ajradin Sakiri di Voltana, Vittorio Tavaniello e Lorenzo Vetricini entrambi di Frascata. A precedere la mini-carovana è Flavio Landini in sella ad uno scooter, mentre in coda alla stessa è presente un furgone cassonato condotto da Veiz Likrama. Oggi (venerdì) lo start è avvenuto come detto da Passogatto, attraversando le località di Massa Lombarda, Sant’Agata, Faenza, Brisighella, Modigliana, Tredozio, Rocca San Casciano e Ridracoli, giungendo a Santa Sofia.

Domani ipartenza da quest’ultima località per Bagno di Romagna, per poi approdare a 0San Pietro in Bagno, a Santarcangelo, a Cattolica, a Rimini e di nuovo a Santarcangelo. Il giorno di Pasqua la strombazzante e festosa carovana ripartirà da Santarcangelo giungendo a Cesena per poi risalire a Bertinoro ed attraversare in seguito Predappio, Castrocaro, Forlì, Ravenna, per poi sostare a Marina Romea. Il giorno di Pasquetta si riparte attraversando Casalborsetti, Mandriole e Sant’Alberto, dove i sei amici saliranno a bordo del traghetto attraversando il fiume Reno giungendo ad Anita, per poi proseguire verso Alfonsine ed arrivare al ‘traguardo’ nuovamente a Passogatto. Non mancherà un passaggio in centro storico a Lugo.