Polo Lama sud, centrale di teleriscaldamento

Il comune di Ravenna finanzia un progetto di teleriscaldamento e teleraffrescamento connesso a pannelli fotovoltaici per creare un eco-quartiere efficiente, con un valore totale di 3 milioni di euro. Un importante tassello per una visione che garantisca sempre più un miglioramento della qualità della vita individuale.

Tra i progetti che verranno realizzati grazie alle risorse dell’Agenda trasformativa urbana per lo sviluppo sostenibile (Atuss) c’è quello relativo al quartiere Ravenna sud. Verrà infatti finanziata una innovativa centrale di teleriscaldamento e teleraffrescamento connessa a pannelli fotovoltaici che contribuirà a creare un vero e proprio eco-quartiere efficientando il polo comunale e il polo scolastico Lama sud. L’intervento ha un valore totale di 3 milioni di euro. "Si tratta di una scelta strategica importante – ha spiegato il sindaco Michele de Pascale – che dimostra come anche sulle strutture di grandi dimensioni è possibile trovare soluzioni tecniche". Tutti gli uffici comunali e il polo scolastico non verranno più riscaldati con caldaie a gas. Il fabbisogno quasi totale degli edifici verrà soddisfatto grazie ai pannelli solari. "Attraverso l’Atuss – ha concluso il sindaco – trasformiamo in progetti concreti le linee strategiche, realizzando un programma di investimenti che mette a valore l’intero territorio comunale, con un’attenzione all’accessibilità dei servizi in particolare nel forese, alla digitalizzazione, all’inclusione, all’implementazione e alla fruizione del verde urbano, alla sostenibilità ambientale. Inoltre, grande rilievo è attribuito appunto all’efficientamento energetico. Si tratta di un importante tassello di quella visione che ha l’obiettivo di realizzare, giorno dopo giorno a Ravenna, un contesto socio-culturale e territoriale che garantisca sempre più ai cittadini e alle cittadine un miglioramento della qualità della vita individuale, e come comunità".