Ponte mobile, i controlli Ora è meno scivoloso Ma servono altri lavori: tre giorni di stop

La struttura sarà di nuovo chiusa da lunedì 3 a giovedì 6 luglio, quindi la speciale resina che compone l’asfalto sarà resa più aderente. L’Autorità Portuale: "Così potremo da subito rimuovere i dossi".

Ponte mobile, i controlli  Ora è meno scivoloso  Ma servono altri lavori:  tre giorni di stop

Ponte mobile, i controlli Ora è meno scivoloso Ma servono altri lavori: tre giorni di stop

Il ponte mobile è ‘quasi’ a posto. Ciò non toglie che da lunedì 3 a giovedì 6 luglio effettuerà un nuovo stop per rendere ancora più aderente la speciale resina che compone l’asfalto del ponte. Come previsto, nella giornata di martedì scorso si sono svolte le attività di monitoraggio del manto stradale del ponte mobile. L’esito di tali controlli tecnici è stata la certificazione di un miglioramento dell’aderenza del manto stradale determinata dall’usura dovuta al passaggio dei veicoli sul ponte in queste settimane.

"Nonostante il buon esito di tali verifiche – commenta l’Autorità portuale – si è valutato di procedere all’esecuzione di lavori per accentuare la ruvidezza della pavimentazione e poter da subito rimuovere i dossi attualmente posizionati sul ponte. Pertanto da lunedì 3 luglio a giovedì 6 luglio 2023 il ponte resterà chiuso al traffico per consentire questi ulteriori interventi manutentivi. Al fine di garantire il rispetto del limite dei 30 kmh, limite che vi è da sempre sul ponte mobile per la necessità di ridurre le sollecitazioni cui è sottoposta la struttura e assicurare condizioni di sicurezza nei transiti, a breve saranno posizionati sul ponte stesso dei rilevatori di velocità", al posto dei dissuasori di velocità, che fanno sobbalzare camion e vetture.

Per evitare danni ai mezzi, la velocità adottata è bassissima, dando vita a interminabili code. Il fatto è che il ponte va affrontato con il limite di velocità dei 30 km, ma nessuno lo rispetta. E oggi, che a far da guardiani al contachilometri di chi transita ci sono i dissuasori, si creano le file. La situazione su via della Chimica, via Baiona e via delle Industrie, a ridosso della rotonda Belgio, è delirante. Auto e camion imboccano col contagocce via Attilio Monti per prendere il ponte mobile, e questo è solo il primo tappo. Il secondo è su via Trieste fino all’incrocio con via Darsena, quindi via Pallavicini e via Carducci. In fondo alla strada degli Speyer, quando il ponte mobile è chiuso, viene spenta la Ztl e si può girare a sinistra in via di Roma per bypassare la città verso sud. Se non è un giro vorticoso questo… D’altronde sul ponte mobile transitano tra i 20mila e i 30mila mezzi al giorno.

Le discussioni sul tema sono iniziate sabato 10 giugno, quando un incidente stradale ha richiamato l’attenzione sull’eccessiva scivolosità della resina speciale utilizzata per il manto stradale. Un’idropulitrice è finita contro con un’auto, portando alla nuova chiusura del ponte dopo la manutenzione.

lo.tazz