Protesta degli agricoltori: "Ripartenza in 5 punti"

A Pieve Ponte, agricoltori e istituzioni chiedono interventi urgenti per la ricostruzione post-alluvione in Romagna, con focus su sicurezza, semplificazione burocratica e sostegno al reddito agricolo.

Protesta degli agricoltori: "Ripartenza in 5 punti"

Protesta degli agricoltori: "Ripartenza in 5 punti"

Cinque richieste "per salvare produzioni di qualità, redditi, posti di lavoro". Arrivano da Pieve Ponte (Faenza), dove agricoltori, cooperative, associazioni, istituzioni e cittadini si sono trovati per la manifestazione "Vogliamo ripartire", per chiedere di agire in fretta, a più di un anno dalle alluvioni che hanno travolto la Romagna, "per accelerare l’erogazione dei ristori e la ricostruzione". "Siamo consapevoli che le sfide in essere richiedano collaborazione – dicono le organizzazioni agricole –. Siamo anche certi che si debbano allontanare strumentalizzazioni per perseguire un obiettivo comune: la salvaguardia e la ripresa delle attività agricole, il rilancio del territorio". I punti sono: un piano strategico di messa in sicurezza del territorio, semplificazione burocratica e procedure più snelle per perizie e richieste di ristoro, contributi a integrazione del reddito, il saldo delle risorse messe finora a disposizione dal Fondo AgriCat e maggior coinvolgimento delle associazioni agricole nella gestione di questo fondo.