Ravenna, i lavori lungo la Ravegnana dopo il crollo del ponte (Foto Corelli)
Ravenna, i lavori lungo la Ravegnana dopo il crollo del ponte (Foto Corelli)

Ravenna, 27 ottobre 2018 - Corsa contro il tempo per eseguire i primi lavori (FOTO) di messa in sicurezza dell’argine del fiume Ronco e della Ravegnana all’altezza della chiusa San Bartolo, l’area dove giovedì pomeriggio ha perso la vita il tecnico della Protezione civile Danilo Zavatta in seguito al crollo della campata dove poggiava un ponte-passerella sul  Ronco, che è stata e posta sotto sequestro dalla magistratura che indaga per omicidio colposo e disastro colposo.

La strada che unisce Ravenna a Forlì è chiusa all’altezza della rotonda con l’Adriatica, per chi viene da Ravenna, e a Ghibullo, per chi arriva da Forlì.

Ieri , dopo il via libera della magistratura, è iniziato il posizionamento di palancole per evitare che in caso di forte maltempo l’acqua possa aggredire l’argine e scavare sotto la Ravegnana fino a sbucare dalla parte opposta. Si lavorerà anche nel weekend per riaprire la Ravegnana il prima possibile.

Il crollo del ponte

LEGGI ANCHE Occhi puntati sulla frana: "Un disastro annunciato"

La Protezione civile ha svolto diversi sopralluoghi in case che si trovano nel raggio di un eventuale allagamento avvisando le famiglie di mettere in conto una possibile evacuazione.

Ieri è stato istituito, in via provvisoria, il divieto di transito ai veicoli con massa superiore a 3,5 tonnellate sulla provinciale 68 ‘Montone Abbandonato’, dall’incrocio con la sp 99 Viazza di Villanova all’incrocio con la sp 45 Godo San Marco fino alla riapertura al traffico sulla Ravegnana.

I percorsi alternativi sono stati individuati nelle sp 45 Godo e San Marco, sp 253 R San Vitale e statale 16 Adriatica. Ieri sera c’è stata una riunione in Prefettura, dove il prefetto Enrico Caterino ha chiesto il miglior coordinamento possibile fra gli enti per affrontare l’emergenza. Infine il capogruppo di Forza Italia, Alberto Ancarani, ha presentato richiesta di question time dove chiede al sindaco quali azioni intende adottare «per un collegamento stradale stradale e ferroviario del tutto nuovo tra Ravenna e Forlì».