Chiusura di via Ravegnana
Chiusura di via Ravegnana

Ravenna, 30 ottobre 2018 – Non è un problema da poco quello della Ravegnana chiusa dopo il crollo del ponte della diga sul fiume Ronco, nei pressi di San Bartolo, giovedì scorso, costato la vita al tecnico della protezione civile Danilo ZavattaEntro questa settimana, si riuniranno un Tavolo tecnico e un Comitato operativo per la viabilità, entrambi istituiti dalla Prefettura presso il Comune di Ravenna per gestire i lavori e il sistema viario alternativo alla Ravegnana, a seguito del crollo parziale della chiusa di San Bartolo, per individuare le migliori soluzioni di intervento.

LEGGI ANCHE Ci sono i primi tre indagati

RAVEGNANAG_34594153_132805

«Le due esigenze primarie – afferma il sindaco Michele de Pascale - sono la tutela dell'incolumità pubblica e le indagini. Immediatamente dopo viene il ripristino della mobilità su una strada che rappresenta l’unico vero collegamento fra due capoluoghi di provincia. Una strada fondamentale per l’economia e per la vita di migliaia di persone. In questo senso abbiamo chiesto il massimo della solerzia ad Anas e alla Regione per realizzare gli interventi nel minor tempo possibile. Siamo consapevoli che la necessità molto probabile di rifacimento dell’argine, per garantire il massimo della sicurezza, non è un lavoro di poco conto, ma siamo certi che tutti gli sforzi sono rivolti perché si svolga nel minor tempo possibile».

LEGGI ANCHE Crollo ponte Ravenna, in centinaia ai funerali del tecnico Danilo Zavatta

FUNERALIZAVATTA_34649462_194729

Il Tavolo tecnico, di cui faranno parte Comune, Anas e Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile, avrà il compito di individuare le soluzioni tecniche più efficaci, avendo come primo obiettivo la sicurezza e la buona riuscita dei lavori di ripristino di una situazione molto compromessa e che non si prevede di rapida soluzione. Nel Cov (Comitato operativo per la viabilità), coordinato dal comandante della Polizia municipale Andrea Giacomini sotto l’egida della Prefettura, saranno coinvolti per la parte statale Anas e Polizia stradale, per Provincia e Comune i rispettivi uffici tecnici, Polizia provinciale e Polizia municipale. Il compito sarà quello di elaborare piani di viabilità adeguati e monitorare di volta in volta gli andamenti dei flussi di traffico e apportare le dovute modifiche in caso di criticità.