Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 apr 2022

Ravegnana, la riqualificazione "Entro giugno il progetto di Anas"

Il documento metterà nero su bianco il tracciato e gli interventi, con due varianti a Coccolia e a Ghibullo. A quel punto occorrerà fare il passo più importante: trovare i finanziamenti per il cantiere vero e proprio

30 apr 2022

Il tracciato resta quello, lungo il Ronco, come più volte detto: un percorso i cui disagi e problemi sono noti da tempo, ma che è risultato essere comunque la soluzione meno impattante e più semplice da percorrere. Con alcune variazioni: una sede stradale più ampia (da 7,5 a 9 metri) e soprattutto due deviazioni per aggirare gli abitati di Ghibullo e Coccolia. Il progetto preliminare per la nuova Ravegnana, che dovrà trasformare le intenzioni più volte espresse in un piano concreto e studiato dagli esperti, arriverà a giugno: ci sta lavorando Anas grazie a un cospicuo finanziamento da parte della Regione, come spiega l’assessore regionale a Mobilità e Infrastrutture Andrea Corsini. "Il contributo che abbiamo dato ad Anas ammonta a 180 milioni – spiega – e comprendeva anche le varianti dell’Adriatica a Mezzano, Fosso Ghiaia e Alfonsine. Per quanto riguarda la Ravegnana, entro giugno Anas dovrà presentare il progetto". La sola progettazione preliminare della Ravegnana è costata 9 milioni, di cui 1 milione e 150mila dalla Regione e 7 milioni e 850mila da Anas. Serviranno molti altri passaggi prima di poter cantare vittoria: "Quando sarà pronto il progetto preliminare occorrerà trovare i fondi per realizzarlo nel portafoglio di Anas – prosegue Corsini –. Siamo fiduciosi".

Della fiducia ne servirà parecchia, considerando la storia della Ravegnana: negli anni si è parlato spesso di maxi progetti per superarla, ma nessuno si è mai concretizzato. Nell’estate del 2020 finalmente un passo: Anas in quel periodo consegnò alla Regione tre ipotesi risolutive. Le prime due, accantonate, proponevano di costruire nuovi tracciati, rispettivamente a nord di quello attuale e a sud, ricollegandosi all’E45. È sembrato invece più fattibile riqualificare il percorso esistente. "Nei fatti si tratterà di un adeguamento in sede – spiega Corsini – con due varianti che bypassano i centri abitati di Coccolia e Ghibullo. Ci saranno poi due innesti, uno a Ravenna e uno a Forlì". Quello ravennate è previsto più a nord di quello attuale.

Riqualificare il percorso esistente costa meno che costruirne uno nuovo (si parla di 75 milioni contro rispettivamente 133 e 195), ma non è solo una questione di soldi. Già nel 2020 emerse infatti il problema legato alla perdita di fondi agricoli, e inoltre il tracciato a sud sembrò a molti troppo lontano da Ravenna e più vicino a Cervia.

La Ravegnana fu fatta costruire nel 1778 dal cardinale Luigi Valentini Gonzaga. Dal 1882 al 1930 c’era un tramway da Meldola a Ravenna, poi dismesso per costruire la strada attuale. Che ora attende di rinascere.

Sara Servadei

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?