Rigassificatore e i rischi del clima. Piano sicurezza della Capitaneria

Che succede in caso di tromba marina? Il terminale sarà dotato di un proprio sistema di allerta

Rigassificatore e i rischi del clima. Piano sicurezza della Capitaneria

Rigassificatore e i rischi del clima. Piano sicurezza della Capitaneria

Cosa accadrebbe alla piattaforma, alla nave rigassificatrice BW Singapore e alle metaniere che si troveranno nell’impianto a 8 km dalla costa di Punta Marina se fossero investite da una tromba marina come quelle abbattutesi sulla costa ravennate recentemente? Lo chiede il capogruppo di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi. Il tema della sicurezza è stato centrale nelle riunioni tra Capitaneria di Porto, competente in materia, e servizi tecnico-nautici. Tanto che si è deciso di aumentare da sei a dieci il numero dei rimorchiatori e di assumere altri piloti e ormeggiatori. Il progetto ha svolto diverse valutazioni sulle conseguenze che possono derivare dal rilascio di gas dalla nave BW Singapore causato da eventi incidentali di qualsiasi natura. Questi casi sono stati valutati all’interno del Rapporto di Sicurezza.

Riguardo a trombe d’aria o eventi metereologici estremi, si evidenzia che il terminale sarà dotato di un proprio sistema di allerta condiviso con le autorità marittime in grado di fornire aggiornamenti continui sulle previsioni a breve termine (5 giorni), con l’emissione di fino a quattro bollettini giornalieri in funzione dei periodi dell’anno. Tenendo conto che le conseguenze massime di un eventuale incidente non superano mai i 400 metri di distanza dalla nave rigassificatrice. Inoltre, sarà realizzata una diga foranea per la protezione dell’impianto da eventi particolarmente importanti che ne consentirà la piena e sicura operatività.

Maria Vittoria Venturelli